Australian Open: Seppi si arrende a Young

L'altoatesino esce al secondo turno, sconfitto 6-4, 2-6, 6-3, 4-6, 7-5 dallo statunitense numero 91 del ranking

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Seppi, Ipp

Lo specialista del quinto set questa volta non ce la fa. Dopo aver trionfato nella "maratona" contro Lleyton Hewitt all'esordio, Andrea Seppi esce nel secondo turno degli Australian Open, prima prova stagionale dello Slam, battuto per 6-4, 2-6, 6-3, 4-6, 7-5 dallo statunitense Donald Young in 3 ore e 31 minuti di gioco effettivi, dilatati a oltre 5 ore da un lungo stop al termine del quarto set deciso dal direttore per il grande caldo.

Una sconfitta amara quella di Seppi, giunta contro un avversario, numero 91 della classifica mondiale, sicuramente alla portata. Nel primo set vengono rispettati i turni di servizio fino al 4-5 per l'americano, quando Seppi va alla battuta e, alla terza palla break, perde game e set. Immediata la reazione dell'altoatesino che nel secondo set strappa per 3 volte consecutive il servizio a Young portandosi sul 5-1 e chiudendo poi per 6-2.

Nel terzo parziale il servizio riprende a dominare il match, ma è ancora l'azzurro, sul 3-4 a cedere il proprio, consentendo a Young di chiudere 6-3. La partita sembra scivolare via a Seppi che nel quarto set subisce subito il break e deve rincorrere (1-3). Andreas però ha un guizzo, aggancia l'avversario sul 3-3 e, sul 5-4 in suo favore, gli strappa ancora il servizio portando il match al quinto. Il caldo, però, diventa alleato dello statunitense che appare più stanco e accoglie con soddisfazione la decisione del direttore del torneo di sospendere tutti i match in corso.

Si sta fermi un paio d'ore e alla ripresa Young appare rinfrancato. Seppi sciupa la grande occasione sul 3-2 e sul 4-3 in suo favore quando non riesce a capitalizzare 3 palle break complessive. Tocca invece a lui, sul 4-4, perdere la battuta, mandando Young a servire per il match. Il braccio dello statunitense, però, trema e Seppi gli strappa la battuta a zero. Potrebbe essere il momento di piazzare lo sprint vincente, ma Seppi non ha la lucidità né la fortuna avute nel turno precedente con Hewitt e perde di nuovo il servizio. Sul 6-5 Young non fa più sconti: sarà lui a sfidare il giapponese Nishikori nel terzo turno. A Seppi, come già accaduto alla Knapp e alla Giorgi, eliminate nella notte al termine di partite lunghe e combattute, resta l'amarezza, all'Italia due soli giocatori ancora a rappresentarla: Fabio Fognini e Flavia Pennetta, impegnati domani nel terzo turno contro lo statunitense Querrey e la tedesca Barthel.

Prima pesante eliminazione nel tabellone maschile: l'argentino Juan Martin Del Potro, quinta testa di serie, si è arreso allo spagnolo Bautista Agut dopo quasi 4 ore di battaglia, quando a Melbourne si era già superata da un pezzo l'1 di notte. Bautista si è imposto 4-6, 6-3, 5-7, 6-4, 7-5. Buon per Nadal, che vede spalancarsi la strada verso le semifinali.

TAGS:
Australian open
Seppi
Young

I VOSTRI COMMENTI

stefano11269 - 16/01/14

Che gufata. Ieri a dire che Seppi è imbattibile al 5 set e oggi è eliminato proprio per aver perso al quinto. Portate rogna.

segnala un abuso