Masters WTA, parte male Sara Errani: polpaccio ko e sconfitta con l'Azarenka

L'azzurra si infortuna e perde in due set con la bielorussa (7-6, 6-2)

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

STEFANO RONCHI

Sara Errani, Foto Afp

Esordio amaro per Sara Errani al Masters. Nella prima partita del Wta Championships a Istanbul l'azzurra perde con Victoria Azarenka (7-6, 6-2) ed esce dal campo zoppicando. Primo set lunghissimo, deciso al tie-break dalla freddezza e dalla classe della numero due del ranking. Poi nel secondo parziale Sara si infortuna al polpaccio destro, gioca da ferma, ma non riesce più ad opporre resistenza al gioco della Azarenka.

Nel primo set, combattutissimo, Sara inizia bene e attacca sul rovescio della Azarenka, che non è veloce negli spostamenti ed è costretta a difendersi. Fallosa al servizio (6 doppi falli nel primo set) e in difficoltà sui cambi di ritmo della Errani, la bielorussa gioca male di volo e patisce i lob e le palle corte dell'azzurra, che invece gioca con grande precisione variando i colpi. Avanti 5-2, dopo il cambio palle, Sarita però lentamente cede campo sotto i colpi profondi e potenti di Vika e subisce la rimonta della numero due del mondo, che chiude il primo parziale al tie-break (7-4) con freddezza e grazie a una brutta volé e a un doppio fallo dell'azzurra.

Dopo la maratona del primo set (1h30'), il match poi scorre più veloce, con Vika che sale di ritmo soprattutto con il rovescio e tiene l'Errani sotto pressione. Sara tiene lo scambio, ma cede il servizio, va sotto 2-1 e chiede l'intervento medico per un fastidio al polpaccio destro. In difficoltà fisica, l'azzurra poi gioca con maggiore aggressività, accorcia gli scambi e si affida ai vincenti per rimanere nel match, ma nonostante il controbreak regalato dalla bielorussa, non riesce più a giocare ad armi pari e si arrende sul 6-2. Ora rimane da valutare l'entità dell'infortunio per il resto del torneo.

TAGS:
Tennis
Wta
Masters
Errani
Live

I VOSTRI COMMENTI

nonhocugini69 - 23/10/13

bye bye

segnala un abuso