Madre e figlia uccise a Parma, ex giocatore del Parma confessa il duplice omicidio

Solomon Nyantakyi, fermato a Milano, ha ammesso le sue responsabilità

Solomon Nyantakyi

Solomon Nyantakyi, il 21enne ghanese fermato a Milano dalla polizia per il duplice omicidio avvenuto a Parma, ha confessato di aver ucciso a coltellate la madre e la sorellina. Il giovane, ex giocatore del Parma (con Donadoni in panchina era stato più volte convocato in prima squadra) risultava irreperibile dal ritrovamento dei corpi. Il pm sha predisposto il decreto di fermo nei suoi confronti. Di lui ha parlato Cristiano Lucarelli, suo allenatore nelle giovanili del club emiliano: "Taciturno e solitario, soffriva di depressione".

Il 21enne è stato fermato martedì sera dalla Polfer alla Stazione Centrale di Milano. Gli agenti lo hanno riconosciuto e bloccato. Stava facendo ritorno da Londra, dove si era trasferito per lavoro da circa un mese e mezzo, Fred Nyantakyi, padre dei tre ragazzi e marito della donna uccisa.

LUCARELLI: "TACITURNO E INTROVERSO, SOFFRIVA DI DEPRESSIONE"

"Sono senza parole: Solomon era un ragazzo pacifico e molto taciturno, non avrebbe mai fatto male a una mosca. Ma ha sofferto di depressione". Lo racconta Cristiano Lucarelli, ex attaccante del Livorno e della nazionale, che allenò Solomon Nyantakyi nelle giovanili del Parma. "In un anno, lo sentii parlare due volte - ha dichiarato all'Ansa - sapevo dei suoi problemi, e l'ho chiamato in Lega Pro al Cuiopelli un anno fa. Ma dopo quindici giorni di ritiro è voluto andare via, gli mancava la famiglia. Dal suo comportamento introverso nelle giovanili del Parma si vedeva che aveva dei problemi, però mai, mai, mai l'ho visto alzare la voce, litigare con qualcuno, avere una reazione scomposta. Era ipereducato". 

Di Solomon ha parlato anche l'altro Lucarelli, Alessandro, capitano del Parma anche negli anni in cui il giovane ghanese si aggregò alla prima squadra in A. "Anche io avevo sentito parlare della sua depressione. Era molto tranquillo, un po' chiuso, non legava con nessuno in particolare: qualcosa di singolare tra i suoi coetanei, specie i ragazzi africani molto estroversi. E ora questa cosa incredibile...".

"Ricordo Solomon, si allenava con noi del Parma e lo portai in prima squadra, in panchina, più di una volta", ha raccontato invece Roberto Donadoni, ora tecnico del Bologna, "Non è facile inquadrare il carattere di un giovane calciatore in una squadra di A, ma ricordo che era un ragazzo tranquillo, anzi direi taciturno. E se davvero è stato lui, è difficile capire cosa possa essere passato per la sua testa: come si può arrivare a un gesto simile, cosa ti passa per la testa".

TAGS:
Solomon Nyantakyi
Parma
Omicidio

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X