Diritti e regole: la risposta di Mediaset

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Ieri, venerdì 20 giugno 2014, nel corso del pre partita di Italia-Costa Rica, sui canali Sky è stato trasmesso un messaggio letto dalla conduttrice Ilaria D’Amico, in riferimento alla questione riguardante l’assegnazione dei diritti tv del triennio 2015-18 di Serie A.

Oggi, sabato 21 giugno 2014, all’interno dell’edizione delle ore 13.00 di “Sport Mediaset”, condotta da Mino Taveri su Italia 1, Mediaset precisa: “Parliamo ancora di calcio, perché non c'è solo quello giocato dei Mondiali. C'è anche un'altra partita in corso, quella per l'assegnazione dei diritti del campionato di Serie A nel triennio 2015-18. Alla vigilia della settimana decisiva, lunedì 23 giugno e' prevista l'assemblea della Lega, Sky, che e', nella metafora della partita, giocatore in campo esattamente come Mediaset, ha affidato a Ilaria D'Amico un appello il cui senso e' questo: vince chi segna di più rispettando le regole. Ecco, il punto sono proprio le regole, che non possono essere evocate per gli altri e disattese in proprio. In una partita ideale, nel calcio cosiddetto pulito, il giocatore non può essere anche l'arbitro, tanto meno può dire come si deve arbitrare. Se poi si richiama l'essenza dello sport solo come vittoria a suon di gol, i gol devono essere fatti con regole condivise da tutti, con un soggetto terzo che sancisce falli, rigori, cartellini gialli e rossi e i fuorigioco. Soprattutto quando in fuorigioco ci finiscono, oltre ai giocatori, anche gli appelli”.

I VOSTRI COMMENTI

winter1963 - 22/06/14

ma a noi ce ne frega de meno?
una o l'altra sempre pagare devi!

segnala un abuso

Sir Bowen - 21/06/14

io non ho capito nulla

segnala un abuso