Nizza, camion sulla folla sul lungomare: 84 morti, "almeno uno è italiano" | Dieci i minori uccisi

Strage sulla Promenade affollata in occasione dei fuochi d'artificio per il 14 luglio. Valls: "Tre giorni di lutto nazionale". Il console italiano: ancora irrintracciabili molti connazionali

Tempo reale

Nizza, camion sulla folla sul lungomare: 84 morti, "almeno uno è italiano" | Dieci i minori uccisi

Sono almeno 84 i morti, tra cui almeno un italiano e dieci tra bambini e adolescenti, a Nizza, nel sud della Francia, dove un camion ha travolto la folla lungo la Promenade des Anglais, al termine dei fuochi d'artificio per i festeggiamenti del 14 luglio. Un centinaio i feriti, tra cui decine di bambini. Il Tir ha investito le persone che si trovavano sul percorso per almeno due chilometri. Il premier Valls: "Tre giorni di lutto nazionale".

Fonti Farnesina: 3 italiani feriti, 2 gravi
A quanto si apprende da fonti della Farnesina, al momento a Nizza si registrano tre connazionali, feriti di cui due gravi. Continuano comunque le verifiche da parte dell'Unita' di Crisi e del consolato di Nizza

Fonte Bfm, tra le vittime un italiano
Ci sarebbe anche un italiano tra le vittime di Nizza. Lo afferma Sky Tg24 citando la fonte Bfm

Messaggio su twitter,si cerca coppia italiana dispersa
Tra le persone disperse a Nizza per cui e' stato diffuso un messaggio di ricerca su Twitter ci sono anche due italiani, marito e moglie, Angelo D'Agostino e Gianna Muset. La persona che ha diffuso il messaggio, la nuora della coppia, ha precisato all'ANSA di non essere piu' riuscita a contattarli dopo le 21.55 di ieri. "Siamo disperati", dice. D'Agostino, aggiunge, "e' un uomo di circa 1,70 per 70 kg, capelli bianchi, jeans e maglietta blu".

Fonti mediche, 3-4 bambini tra vita e morte
Ci sono tre-quattro bambini gravemente feriti nell'attentato terroristico a Nizza "tra la vita e la morte". Lo ha riferito al Guardian un medico della terapia intensiva che ha in cura i piccoli feriti. I bambini sono stati travolti dal tir e hanno riportato "gravi traumi, ossa rotte ed emorragie".

Messa per le vittime alle 18.30 in cattedrale di Sainte Réparate
Questa sera si terrà una messa per le vittime dell'attentato terroristico avvenuto a Nizza, in cui hanno perso la vita 84 persone. La messa, riferisce 'Nice Matin', si terrà presso la cattedrale di Sainte Reparate, celebrata dal vescovo di Nizza, André Marceau, alle ore 18.30. Ci saranno Nicolas Sarkozy, il presidente della regione francese di Provenza-Alpi-Costa Azzurra, Christian Estrosi, il presidente della regione delle Alpi Marittime Eric Ciotti, il sindaco di Nizza Philippe Pradal.

Amico coppia Voghera, 'famiglia disperata ma spera'
Non ci sono ancora notizie di Angelo D'Agostino, 71 anni, e della moglie Gianna Muset, 68 anni, la coppia di Voghera (Pavia) che ieri sera si trovava a Nizza sulla Promenade des Anglais al momento dell'attentato terroristico che ha provocato 84 morti e un centinaio di feriti. Contrariamente alla voce che era circolata nel primo pomeriggio, i familiari non si sono recati in Francia. Il figlio Massimiliano e la nuora Roberta Capelli sono rimasti a Voghera (Pavia), in attesa di comunicazioni dalla Prefettura e nella speranza che da un momento all'altro i loro congiunti si facciano vivi. "Sono disperati, ma sperano ancora che la situazione possa risolversi al meglio", ha dichiarato un amico di famiglia. La speranza e' che i genitori siano rimasti sconvolti da quanto successo, o magari soltanto feriti. Ma con il passare delle ore cresce il timore di non ritrovarli piu' vivi. Il figlio Massimiliano ha provato subito a chiamare i genitori ieri sera, dopo aver appreso la notizia dell'attentato; ma il telefonino del padre e quello della madre suonavano a vuoto e hanno continuato a suonare a vuoto anche questa mattina. Roberta Capelli, la nuora, ha pubblicato le loro foto su Twitter sull'hastag #RecherchesNice, e anche su Facebook. Angelo D'Agostino e la moglie Gianna Muset erano partiti per Nizza per festeggiare la pensione dell'uomo, ex dipendente della Ledeen. La coppia era a Nizza da pochi giorni. Ieri sera si era recata sulla Promenade des Anglais per assistere ai fuochi d'artificio organizzati per la Festa nazionale francese del 14 luglio.

Console, ancora nessuna lista italiani
"Non abbiamo ancora una lista ufficiale degli italiani coinvolti nell'attentato di Nizza". Lo afferma all'ANSA il console generale d'Italia a Nizza, Serena Lippi. "Stiamo ancora incrociando le segnalazioni che arrivano ai nostri uffici - aggiunge - con quelle arrivate all'ambasciata italiana e all'Unita' di crisi della Farnesina. E lo stesso stanno facendo le autorita' francesi con le loro segnalazioni".

Console, nessun bimbo italiano coinvolto
"Posso confermare che nell'attentato di Nizza non sono coinvolti, ne' tra le vittime ne' tra i feriti, bambini italiani". Lo afferma all'ANSA il console generale d'Italia, Serena Lippi, che e' in costante contatto con le autorita' sanitarie locali.

Procuratore: attentatore era solo nel camion
L'attentatore di Nizza era solo a bordo del camion che si è lanciato sulla folla ieri sera lungo la Promenade des Anglais, falciando decine di persone. Lo ha detto il procuratore di Parigi, François Molins, parlando in conferenza stampa. "Verso le 22.45 un uomo solo a bordo di un camion frigorifero di 14 tonnellate, che era stato affittato a noleggio l'11 luglio e che doveva essere restituito il 13 luglio, è penetrato sulla Promenade des Anglais e ha percorso circa 2 km, fra il numero civico 11 e il 147, colpendo violentemente numerosi spettatori raccolti per i fuochi d'artificio", ha detto Molins.

Almeno tre vittime marocchine: una bambino 13enne e due donne
Ci sono almeno tre cittadini marocchini tra le vittime dell'attentato avvenuto ieri sera a Nizza, lungo la Promenade des Anglais, dove un camion ha falciato la folla che si era radunata per vedere i fuochi d'artificio per i festeggiamenti del 14 luglio. Le tre vittime sono un bambino di 13 anni e due donne, rispettivamente di 43 e 49 anni. Una fonte del consolato del Marocco a Nizza ha fatto sapere dall'agenzia stampa Map che anche un ragazzo marocchino è rimasto gravemente ferito durante l'attacco.

Procuratore Parigi: 84 morti e 200 feriti di cui 52 gravi
"Il bilancio provvisorio dell'attentato di Nizza di ieri è di 84 morti, 200 feriti di cui 52 molto gravi". Lo ha detto in conferenza stampa il procuratore di Parigi Francois Molis. L'attentatore, ha aggiunto, "non aveva contatti con frange radicali e diversi supporti informatici sono stati trovati nella sua abitazione", ha aggiunto.

Procura, attentato in perfetto stile jihadista
L'attentato di Nizza, "anche se non e' stato ancora rivendicato, corrisponde esattamente agli appelli di omicidio delle organizzazioni terroristiche islamiche diffusi sulle loro riviste" e sui media. Lo ha detto il procuratore Francois Molins. Anche se non ci sono state ancora rivendicazioni ufficiali sull'attentato di Nizza "questo tipo di azioni corrisponde esattamente" a quelle prescritte sul web dalle organizzazioni terroristiche, ha sottolineato il procuratore. Mohamed Lahouaiej Bouhlel, l'attentatore di Nizza, era "totalmente sconosciuto ai servizi di intellgence" francesi. Lo ha detto alla stampa il procuratore di Parigi François Molins, aggiungendo che ieri l'uomo ha sparato più volte contro tre poliziotti.

Procura, killer condannato a marzo per violenze
Mohamed Lahouaiej Bouhlel era noto alle autorita' francesi "per minacce, violenze, furto ed era stato condannato il 24 marzo del 2016 ad una pena di 6 mesi di carcere per violenza volontaria commessa nel gennaio" dello stesso anno. Lo afferma il procuratore Francois Molins in merito all'attentato di Nizza

Rintracciato un italiano: è gravissimo
E' stato trovato dai familiari, ricoverato all'ospedale Pasteur di Nizza in gravissime condizioni, Andrea Avagnina, 53 anni, consigliere comunale di S.Michele di Mondovì (Cuneo), uno degli italiani coinvolti nella strage di Nizza che mancavano all'appello. Non si hanno ancora notizie, invece, della moglie, Marinella Ravotti, 55 anni, dipendente dell'Asl. La coppia era in vacanza dall'inizio della settimana a Nizza, dove è proprietaria di una casa. Tra le persone disperse anche altri tre italiani. Si tratta di Angelo D'Agostino e della moglie Gianna Muset e della giovane Elena Gallamini. Rintracciato, invece, Vittorio Di Pietro, inizialmente tra i dispersi.

Fonti: almeno una vittima italiana
Tra le vittime di Nizza ci sarebbe anche un italiano, secondo quanto apprende l'Adnkronos da fonti sanitarie sul posto.

Appelli e dispersi
In Rete intanto si moltiplicano gli appelli. La nuora dei D'Agostino, che non è più riuscita a contattare i parenti dopo le 21.55 di giovedì sera, ha scritto su Twitter: "Siamo disperati". La donna ha poi aggiunto che D'Agostino "è un uomo di circa 1,70, pesa 70kg e ha i capelli bianchi. Indossava jeans e una maglietta blu". Il console italiano: "Molti italiani ancora irrintracciabili" - "Non si riescono ancora a rintracciare molti italiani, che quindi risultano al momento dispersi". Lo ha detto il console generale d'Italia a Nizza, Serena Lippi, che però invita "alla calma". "Nella calca di ieri sera sulla Promenade des Anglais - aggiunge - molti hanno perso il cellulare e c'è chi non è riuscito a rientrare a casa e ha trascorso la notte fuori. Lavoriamo a stretto contatto con la Farnesina e da Parigi è in arrivo l'ambasciatore italiano".

TAGS:
Nizza
Attentato
Francia
Notizie dal mondo