Libri: La ragazza che parlava italiano

Dai Mondiali di calcio del 1978 un romanzo a metà tra il thriller e la storia d'amore sulle strade dell'Argentina

Libri: La ragazza che parlava italiano

Il punto di partenza è il Mondiale di calcio del 1978 in Argentina: più precisamente la sala stampa della sede di Cordoba. Da lì comincia il viaggio, ideale prima e reale poi, che Gino Franchetti immagina per il protagonista del suo nuovo libro, un romanzo che s’intitola “La ragazza che parlava italiano”. Da un giornalista è facile aspettarsi una storia che tratti di giornalisti: e infatti qui lo spirito del giornalismo è sempre presente, sia nei ricordi del passato sia nell’avventura che da quelli trae il suo motivo.

C’è la curiosità, c’è l’attenzione ai particolari, la partecipazione emozionale che non cancella la lucidità necessaria a mettere a fuoco gli eventi e il loro signficato. C’è anche l’osservazione del “contorno”, cioè l’ambiente o gli ambienti (da Cordoba si passa a Buenos Aires, vista nel passato e nel presente) in cui la vicenda si svolge e, perché no?, la frequentazione di ristoranti più o meno famosi, perché i giornalisti in genere, quando ne hanno il tempo, mostrano spesso di essere delle… buone forchette.

Ma il nucleo del romanzo è ovviamente un altro. E’ la ricerca di una donna che il protagonista ha conosciuto ragazza e alla quale teme di aver provocato grossi problemi dopo il suo ritorno in Italia, a causa dello spietato controllo della dittatura militare argentina. La “ragazza che parlava italiano”, hostess e interprete alla sala stampa di Cordoba, non si trova più, non ce n’è traccia, come se non fosse mai esistita. Nella ricerca, sempre più disperata, il racconto si avvicina al thriller, pur lasciando spazio all’inevitabile avventuretta, non d’amore ma di malinconica tenerezza, che non finirà del tutto quando il mistero che alimenta il racconto troverà la sua spiegazione.

LA BIOGRAFIA

Gino Franchetti (Milano, 1943) ha lavorato alla Gazzetta dello Sport (in due periodi, redattore, capo servizio calcio, caporedattore, inviato), a Stadio (capo servizio e inviato speciale), al Giorno (da redattore a vice capo redattore), all’Inter (responsabile relazioni esterne e attività editoriale e direttore del mensile del club), per chiudere collaborando come inviato al Corriere della Sera. Ha pubblicato due libri di poesie (“Cadenze mute” nel 1969 e “Le Muse d’autunno” nel 2013), il romanzo per la scuola media “Senza paura”, le biografie di Hateley, Kakà, Liedholm e Ibrahimovic, i due volumi della Storia del Milan con Cerruti e Costa e il romanzo “Il calciatore stanco”. E’ stato vicepresidente dei giornalisti sportivi in Lombardia e a livello nazionale.

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X