Superbike Regno Unito, Rea e Sykes dominano anche le Libere 3

Savadori chiude 3°, giornata difficile per le Ducati: Melandri è 10°, Davies cade ed è 16°

di DANIELE PEZZINI

Jonathan Rea ha chiuso al comando il venerdì di libere a Donington, sesta tappa del mondiale Superbike. La Kawasaki ha confermato anche sull'asciutto il dominio delle prime due sessioni, con il nordirlandese che ha centrato un 1'28''003 finendo davanti al compagno di team Sykes (+ 0''204) e all'Aprilia di Savadori (+ 0''537). Giornata difficile per le Ducati, con Melandri 10° (per un soffio in Superpole 2) e Davies 16° dopo una brutta caduta.

ZoomDisattiva slideshow
Foto 1
Foto 2

Ufficio Stampa

Foto 3

Ufficio Stampa

Foto 4

Ufficio Stampa

Foto 5

Ufficio Stampa

Foto 6

Ufficio Stampa

Foto 7

Ufficio Stampa

Foto 8

Ufficio Stampa

Foto 9

Ufficio Stampa

Foto 10

Ufficio Stampa

Foto 11

Ufficio Stampa

Foto 12

Ufficio Stampa

Foto 13

Ufficio Stampa

Foto 14

Ufficio Stampa

Foto 15

Ufficio Stampa

Foto 16

Ufficio Stampa

Foto 17

Ufficio Stampa

Foto 18

Ufficio Stampa

Foto 19

Ufficio Stampa

Foto 20

Ufficio Stampa

Foto 21

Ufficio Stampa

Foto 22

Ufficio Stampa

Foto 23

Ufficio Stampa

Foto 24

Ufficio Stampa

Foto 25
Foto 26
Foto 27
Foto 28
Foto 29

È stato un venerdì senza storia quello che ha aperto il weekend britannico della Superbike. Dopo aver spadroneggiato sotto il diluvio in FP1 e aver fatto il vuoto con pista ancora bagnata in FP2, le Kawasaki hanno ribadito il loro stato di forma anche in FP3, quando la pista più asciutta ha fatto abbassare drasticamente tutti i tempi. Jonathan Rea, leader del mondiale e a caccia della vittoria che lo porterebbe a superare Carl Fogarty come pilota più vincente della storia delle derivate di serie, ha regolato il vicino di box Tom Sykes, che sabato mattina inseguirà invece la Superpole numero 44 della carriera (anche per lui sarebbe record assoluto).

Mentre i due britannici si davano battaglia a suon di giri veloci, alle loro spalle si andava costruendo la top 10 per l'accesso diretto alla Superole 2: il migliore degli "altri", alla fine, è stato un grande Lorenzo Savadori, che ha strappato il 3° crono alla Yamaha di Alex Lowes per soli 27 millesimi. Quinto tempo invece per l'altra Aprilia di Eugene Laverty, davanti all'altra R1 di Van der Mark e alla Kawasaki di Leon Haslam. Si è confermato tra i migliori anche Loris Baz con la BMW (8°), che ha chiuso davanti a un sorprendente Ray Bradley, wild card a Donington con la Suzuki.

È stata invece una giornata tutt'altro che semplice per le Ducati: Marco Melandri, sul filo del rasoio, è riuscito a strappare la top 10 a un'altra wild card britannica, Luke Mossey, scalzandolo per soli 4 millesimi e guadagnandosi l'accesso diretto alla Superpole 2. Chaz Davies, invece, è stato vittima di una brutta caduta, è uscito zoppicante ed è stato portato al centro medico per accertamenti. Il gallese ha rimediato solo una distorsione alla caviglia ed è stato dichiarato "fit", ma sarà costretto a inseguire dalla Superpole 1: non certo il modo migliore per iniziare il weekend in cui dovrebbe provare a tenere viva la lotta mondiale.

Partiranno dalla Superpole 1 anche Niccolò Canepa, wild card con Yamaha, e Michael Ruben Rinaldi, con la Ducati del Junior Team Aruba.it Racing, rispettivamente autori del 14° e 24° tempo. Con loro ci sarà anche la Ducati del team Barni di Forés (caduto) e la MV Agusta di Jordi Torres, costretto a rientrare subito ai box in FP3 con la moto fumante.

TAGS:
Superbike
Regno Unito
Donington
Libere

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X