Sbk Australia, Rea trionfa anche in Gara 2

Sul podio le Ducati di Davies e Melandri al termine di una battaglia spettacolare

di DANIELE PEZZINI

Jonathan Rea si conferma un cannibale. Il pilota britannico della Kawasaki trionfa anche in Gara 2 a Phillip Island, al termine di una corsa spettacolare e di una battaglia all'ultima curva con le Ducati di Marco Melandri e Chaz Davies, che deve accontentarsi ancora del secondo posto. Il pilota italiano, tornato a gareggiare dopo un anno e mezzo di lontananza dalle corse, ritrova un podio che mancava da Magny Cours 2014.

ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

Twitter

Foto 2

Twitter

Foto 3

Twitter

Foto 4

Twitter

Foto 5

Twitter

Foto 6

Twitter

Foto 7

Twitter

Foto 8

Twitter

Foto 9

Twitter

Foto 10

Twitter

Foto 11

Twitter

Foto 12

Twitter

Foto 13

Twitter

Foto 14

Twitter

Foto 15

Twitter

Foto 16

Twitter

Foto 17

Twitter

Foto 18

Twitter

Foto 19

Twitter

Foto 20

Twitter

Foto 21

Twitter

Foto 22

Twitter

Foto 23

Twitter

Foto 24

Twitter

Foto 25

Twitter

Foto 26

Twitter

Foto 27

Twitter

Foto 28

Twitter

Foto 29

Twitter

Foto 30

Twitter

Foto 31

Twitter

Foto 32

Twitter

Foto 33

Twitter

Foto 34

Twitter

Foto 35

Twitter

Foto 36

Twitter

Foto 37

Twitter

Foto 38

Twitter

Foto 39
Foto 40
Foto 41
Foto 42
Foto 43
Foto 44

Il mondiale Superbike 2017 è partito con i fuochi d'artificio. Jonathan Rea si conferma dominatore e completa il weekend perfetto con una vittoria in Gara 2, dopo aver ottenuto la Superpole e il gradino più alto del podio anche in Gara 1. Per il pilota della Kawasaki è il quarantesimo trionfo in carriera in Superbike, arrivato al termine di un'altra gara spettacolare in cui ha dovuto lottare fino all'ultima curva con le Ducati di Marco Melandri e Chaz Davies, ancora una volta costretto ad accontentarsi del secondo posto, questa volta per 25 millesimi di secondo.

Rea era e resta un cannibale ma, se queste sono le premesse, ci sarà da divertirsi. Le Panigale infatti hanno dimostrato grande affidabilità e tanto Melandri quanto Davies hanno dato prova di potersela giocare con il campione del mondo in carica, in un mondiale che si preannuncia combattutissimo.

Partito dalla nona posizione (in base al nuovo regolamento), Rea ci ha messo appena un paio di giri a portarsi nel gruppeto dei primi, seguito a ruota dalle Ducati ufficiali, da quella del team Barni di Xavi Forés e dalla Yamaha di Lowes (rispettivamente quinto e quarto al traguardo). Dopo essere stato costretto al ritiro in Gara 1, Melandri è sembrato in assoluto il più combattivo, ma alla fine ha dovuto accontentarsi del terzo posto, lasciando i riflettori al duello tra il compagno di team e il campione del mondo in carica, che si è confermato spietato nei confronti di Davies. Per Melandri è comunque un risultato importante, visto che al pilota ravvenate il podio mancava dal primo posto conquistato a Magny-Cours nell'ottobre del 2014. 

Chiudono al nono e decimo posto le Aprilia di Lorenzo Savadori e Eugene Laverty, mentre deludono ancora le nuove Honda del team Red Bull, con Bradl quindicesimo e Hayden costretto al ritiro a 14 giri dal termine. Per lui anche un infortunio al ginocchio sinistro. Il mondiale Superbike ora si prende una pausa e ripartirà dalla Thailandia nel weekend del 10-12 marzo.

TAGS:
Superbike
Australia
Phillip Island

Argomenti Correlati

CLICCATE E VOTATE

Sbk, griglia di partenza invertita in Gara 2: vi piace la nuova formula?

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X