Sbk Assen: Rea trionfa in Gara 1, out Davies

Il britannico della Kawasaki davanti al compagno Tom Sykes, terzo Marco Melandri

di DANIELE PEZZINI

Jonathan Rea trionfa anche ad Assen e conquista la sua sesta vittoria stagionale su sette gare nel mondiale Superbike. Il britannico della Kawasaki, dopo essere stato retrocesso in quarta posizione in griglia, riesce comunque a centrare il gradino più alto del podio al termine di un duello da infarto con la Ducati di Davies. Sfortunatissimo il gallese, che rompe al penultimo giro e deve arrendersi. Secondo Tom Sykes, terza l'altra Ducati di Melandri.

Non è bastata neanche la penalità. Dopo essere stato retrocesso fino alla quarta casella in griglia di partenza (una punizione che oggettivamente si era andato a cercare), a Johnny Rea è servito solamente qualche giro in più per imporre la propria legge anche in Olanda. Il campione del mondo in carica centra la sesta vittoria su sette gare in stagione, la quinta consecutiva sul circuito di Assen dopo le due doppiette del 2015 e 2016, e lo fa mettendo in mostra una superiorità davvero disarmante, durata tutto il weekend. Chaz Davies ci ha provato, è sceso in pista col coltello tra i denti dopo il duro confronto avuto col rivale al termine delle qualifiche e ha risposto ad ogni suo tentativo di sorpasso. Poi, a poco più di un giro dal termine, il problema meccanico che rovina tutto: non solo la gara, che Johnny sembrava poter vincere comunque, ma soprattutto la classifica. Rea ora ha 75 punti di vantaggio su Chaz, significa tre gare piene da recuperare. Un'enormità, considerando lo stato di grazia del nordirlandese.

Secondo, in gara e ora anche in classifica mondiale, Tom Sykes, che conquista il suo quinto podio stagionale, nonostante la distanza dal compagno di team sembra essere ancora parecchia. È sempre lì, nonostante tutto, anche Marco Melandri, che approfitta del ritiro di Davies per mettere la sua Ducati sul terzo gradino del podio (il quinto anche per lui in questo 2017). Un risultato positivo per Marco, su una pista storicamente tutt'altro che amica, visto che il suo ultimo piazzamento nei primi tre ad Assen risaliva addirittura al 2005, quando correva in MotoGP.

Sorrisi "italiani" anche per la Ducati del team Barni di Xavi Forés (quarto) e per l'Aprilia di Lorenzo Savadori, che conquista un ottimo quinto posto al rientro dal brutto infortunio patito a Buriram. Il compagno di team Eugene Laverty chiude ottavo dietro a Bradl e Ramos, mentre Raffaele De Rosa conquista un buon tredicesimo posto nella gara del suo debutto stagionale con la BMW del team Althea. Giornata da dimenticare invece per le due Yamaha: il padrone di casa Van der Mark va a terra già dopo un paio giro ed è costretto al ritiro anche Alex Lowes, alla terza scivolata del weekend.

I piloti torneranno in pista per Gara 2 domenica alle 13, quando a partire dalla pole position sarà Forés, davanti a Savadori e Bradl. In seconda fila Ramos-Laverty-Mercado, in terza Melandri-Sykes-Rea.

Argomenti Correlati

CLICCATE E VOTATE

Sbk, Davies avrebbe vinto senza il problema tecnico?

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X