Superbike Aragon: riscatto Ducati, in Gara 2 trionfa Davies

La Kawasaki di Rea deve arrendersi, sul podio anche l'altra Panigale di Melandri

di DANIELE PEZZINI

Chaz Davies vince Gara 2 ad Aragon e centra il suo secondo successo stagionale nel mondiale Superbike 2018. Il gallese della Ducati trionfa al termine di una bellissima battaglia con la Kawasaki di Jonathan Rea e con l'altra Panigale di Marco Melandri, che alla fine completano il podio. Al termine del weekend spagnolo Rea rimane in testa a un mondiale apertissimo, con 12 punti di vantaggio su Chaz e 18 su Macio.

Continua dunque a regnare l'equilibrio in un campionato che, a differenza di quello del 2017, sembra vivere di continui cambi di gerarchie. Jonathan Rea resta il leader della classifica, ma le Ducati appaiono più che mai competitive e decise a detronizzare il dominatore delle ultime tre stagioni. Ad Aragon vince Chaz, bravissimo ad aspettare il momento giusto per infilare Johnny a cinque giri dalla bandiera a scacchi e porre fine a una lunga battaglia a tre che aveva infiammato la seconda parte della corsa. Nei giri iniziali a lottare coi big c'era anche la Ducati del team Barni di Xavi Forés, caduto proprio quando era al comando.

Rea, ancora una volta, ha dato l'impressione di poter contare più sul suo infinito talento che sulla superiorità della ZX-10RR, non più inarrivabile come nel 2017. Melandri, invece, ha avuto il merito di restare a contatto con i migliori nonostante una Panigale veloce sì, ma tutt'altro che affidabile in alcuni tratti della pista e ancora vittima di incredibili "traballamenti" in accelerazione come già si era visto a Buriram. Il ravennate può comunque godersi il podio ritrovato, anche se per ripetere le imprese del primo round in Australia sarà necessario aggiustare qualcosa sulla sua moto in vista della gara di Assen.

Ancora una bellissima gara per il debuttante Michael Ruben Rinaldi, con la Ducati dell'Aruba.it Racing junior team. Il classe '95 resta a lungo davanti alle Yamaha ufficiali di Lowes e Van der Mark (4° e 5° alla fine) e cala solo nel finale tradito probabilmente da una gestione gomma un po' meno saggia degli esperti rivali. Alla fine è 7° dietro anche alla seconda Kawasaki di Tom Sykes, sempre più lontano dai migliori e surclassato nelle prestazioni dal compagno di team.

Nella top 10 chiudono anche Torres con la MV Agusta, Razgatlioglu con la Kawasaki del team Puccetti e Lorenzo Savadori con l'Aprilia, ancora alle prese con i postumi della rottura della clavicola rimediata in Australia. L'altra faccia della medaglia per la casa di Noale è l'ultimo posto di Davide Giugliano, in spagna come sostituto dell'infortunato Laverty.

TAGS:
Superbike
Aragon
Gara 2

Argomenti Correlati

CLICCATE E VOTATE

Sbk: Rea resta leader mondiale, ma la Kawasaki è ancora favorita?

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X