Superbike: configurazione EVO per tutte le moto dal 2015

La SBK Commission ha annunciato le novità regolamentari per i prossimi anni, nell'ottica della riduzione dei costi e l'aumento della competitività dei team

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Badovini Ducati, foto Alstare

Dal 2015 tutte le Superbike dovranno rispettare le norme tecniche previste per la nuova categoria EVO, al fine di ridurre i costi ed aumentare la competitività di tutti i team impegnati nel mondiale delle derivate di serie. Favorendo anche l'ingresso di wild card, nuovi team e piloti di diversa nazionalità. Lo ha deliberato la SBK Commision, che sta studiando altre modifiche tecniche per questo regolamento, che verranno annunciate a fine 2013.

La Superbike Commission è composta da Javier Alonso (WSBK Managing Director), Ignacio Verneda (FIM Executive Director, Sport) e Takanao Tsubouchi (MSMA Representative), e si è incontrata nel quartier generale di Dorna, insieme a Daniel Carrera e Gregorio Lavilla (Dorna WSBK Organisation). All'unanimità sono state prese le suddette decisioni, oltre a le seguenti modifiche per il 2014.

Ovvero una serie di restrizioni per le prove. Quindi saranno proibiti i test dal 1° dicembre al 15° gennaio. Sarà invece la Dorna ad organizzare i test oltreoceano, fissando quelli di Phillip Island prima della gara, nei giorni ancora da comunicare. Nessun test sarà invece consentito dalla prima gara in calendario fino all'ultima. Per questo Dorna organizzerà solo tre test ufficiali nei lunedì successivi a tre gare, e solo per la Superbike, con date ancora da comunicare. Nessun test sarà invece consentito in stagione per la Supersport. Categoria che avrà a disposizione solo 6 motori e una sola opzione per il cambio, per tutto l'anno di gare.

TAGS:
Sbk
Evo
Superbike
Regolamento
2014
2015
Commissione Superbike
Mondiale

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento