Hayden, una vita a due ruote: campione del mondo MotoGP nel 2006

Amico e rivale di Rossi, sempre solare e mai polemico

di SIMONE REDAELLI

Hayden, una vita a due ruote: campione del mondo MotoGP nel 2006

Ha vinto poco in MotoGP, solo tre gare, ma nel 2006 è riuscito a laurearsi campione del mondo. Nicky Hayden è stato il primo a battere l'amico e rivale Valentino Rossi nella classe regina. Undici anni fa il punto più alto della sua vita sportiva, nella memoria di tutti l'ultima gara di Valencia con la scivolata del numero 46 e la cavalcata trionfale dello statunitense che alla bandiera a scacchi esplose di gioia. Un Mondiale vinto grazie alla regolarità (10 podi) e ai due successi di Assen e in casa a Laguna Seca con la sua Honda RC211V ufficiale numero 69.

Con Valentino ha sempre avuto un ottimo rapporto, nel 2003 infatti ha esordito in MotoGP proprio come suo compagno di squadra. Dal campione del mondo italiano ha imparato molto e poi l'ha battuto in pista tre anni più tardi. Con il pesarese ha condiviso il box anche in Ducati nel 2011 e nel 2012.

Da piccolo ha iniziato con le moto da cross, poi ha deciso di optare per la pista con l'esordio nel campionato Supersport americano nel 1998. Nel 2000 il passaggio in Superbike Ama con la perla del titolo conquistato nel 2002, il più giovane a vincerlo con 9 successi stagionali. Ecco il salto di qualità nel 2003 con il passaggio in MotoGP per restarci fino al 2015: Honda, Ducati e ancora Honda Open. Nel 2016 la scelta di passare in Superbike e la vittoria di Sepang, la sua ultima.

Nel paddock Kenutcky Kid era sempre uno dei più sorridenti, sempre con la battuta pronta. Una vita a due ruote, le stesse due ruote che l'hanno strappato alla vita.

TAGS:
Hayden
Rossi
MotoGP
Superbike
Motomondiale

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X