Rugby, Sei Nazioni: O'Shea "Dobbiamo cambiare mentalità"

Il ct dell'Italia alla vigilia della sfida contro l'Inghilterra: "Se tra 18 mesi vedete che non sono adatto..."

O'Shea, foto Lapresse

"Sono arrivato in azzurro perché il rugby ha bisogno di un'Italia forte: dobbiamo cambiare mentalità". Parole del ct dell'Italrugby O'Shea alla vigilia della sfida del Sei Nazioni a Twickenham contro l'Inghilterra. "Le discussioni sull'Italia dentro o fuori dal Sei Nazioni? Andiamo oltre, è frustrante parlare solo di questo - ha proseguito - I giocatori ci sono ma vanno assistiti, serve più professionalità attorno a loro: non devono avere scuse".

O'Shea torna a Twickenham da ct: lì giocò nel '94 la sua prima partita nell'allora Cinque Nazioni. "Potevo stare tranquillamente altri vent'anni a casa - ha detto ancora riguardo al suo presente e al suo futuro - Aspetto sei mesi per capire bene la cultura italiana, poi farò il punto con la federazione. Ho detto a Parisse, se tra 18 mesi vedrete che non sono adatto ditemelo... Ma se tra vent'anni il rugby italiano non fosse cambiato, sarebbe orribile".

TAGS:
Rugby
6 nazioni
Italia
O'shea

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X