TGCOM24
LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI

SportMediaset

Rio 2016, Malagò: "Abbiamo fatto una bella figura"

La soddisfazione del presidente del Coni. Il comitato verserà 5,4 milioni di euro agli atleti per le medaglie conquistate

Campagna-Malagò (Lapresse)

A spedizione conclusa, Malagò non nasconde la propria soddisfazione per i risultati raggiunti dall'Italia a Rio. Un bottino, 28 medaglie con otto ori come a Londra 2012, che il capo dello sport italiano definisce "una bella figura". "Sapevo che potevamo fare questo, ad un certo punto ho sperato anche in qualcosa di meglio ma ai Giochi si perdono medaglie che sembrano fatte e se ne vincono altre che non ti aspetti", aggiunge conscio del fatto che alla vigilia l'asticella era stata fissata a quota 25 podi. 

"Abbiamo fatto una bella figura, sono contento. Potevamo anche guadagnare qualche altra medaglia, e ci abbiamo creduto. Ma sono orgoglioso di essere il presidente del Coni e di essere italiano". Così Giovanni Malagò nel bilancio azzurro di fine Olimpiadi. "Tutti preoccupati, 25 medaglie sarebbe stato un gran risultato tenendo conto che si erano perse medaglie potenziali nella scherma. Poi non ci siamo fatti mancare niente: la vicenda Nibali, Mangiacapre, tutti e due costretti a rientrare. Ma siamo sempre lì nei primi dieci".

VERSO TOKYO

"E' stata una grande esperienza, sofferta, ma sono felice". A far sorridere Malagò è soprattutto lo sguardo verso il futuro e Tokyo 2020. "L'età media dei medagliati d'oro è la più bassa degli ultimi 32 anni - spiega - siamo a a 25 anni, solo a Los Angeles 1984 era più bassa. Rispetto a Londra abbiamo abbassato di 2.5 anni e 3.5 anni rispetto a Pechino. Questo è un dato molto significativo che ci fa ben sperare per il futuro". Il presidente del Coni definisce poi il riscontro delle medaglie rispetto agli atleti portati "da primissimi posti in assoluto rispetto a tutte le spedizioni italiane".

I PREMI

Per questo il Comitato Olimpico, in base alla tabella premi, "pagherà volentieri 5.4 milioni di euro lordi" ha spiegato Malagò. In totale gli atleti andati a medaglia sono stati 69. "Il 10% in più rispetto a Londra". Il merito è degli sport di squadra con tre medaglie (il 75% rispetto alle formazioni portate, ndr), il secondo risultato dopo Atene 2004. 

CURIOSITA'

Malagò enuncia poi altri dati statistici. "Qui 87 paesi sono andati a medaglia, due più di Londra, e 59 di questi hanno conquistato l'oro - dichiara - inoltre, in una società sempre più multietnica, sono solo cinque le medaglie che abbiamo conquistato con persone non nate in Italia. A Londra furono nove. Sotto questo aspetto mentre gli altri salgono noi scendiamo". Per quanto riguarda altre curiosità la regione con il maggior numero di medaglie vinte è stata il Lazio con nove. La prima città Roma con sei. 

OBIETTIVO ROMA 2024

Proprio sulla Capitale e sulla sua candidatura ai Giochi del 2024 è andato l'ultimo pensiero del capo dello sport italiano "Abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare come attività di lobbying e in modo discreto. Abbiate pazienza qualche settimana e saremo più precisi", spiega. E nessun fastidio da parte dei membri Cio per l'assenza di rappresentanti del Campidoglio. "E' evidente che in un'ipotetica pagella dove bisogna avere tutti voti alti, questo è non giudicabile, però il Cio era molto contento della presenza del premier che per altre candidate invece non c'è stata, così come è stato entusiasta di Casa Italia".

TAGS:
Rio 2016
Malagò
Coni

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X