TGCOM24
LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI
logo

SportMediaset

Rio 2016, Lilesa e il gesto delle manette: "Se torno in Etiopia mi uccidono"

La medaglia d'argento nella maratona e il gesto di protesta contro il governo

Il pugno nero di Tommie Smith a Città del Messico 1968. E ora le braccia incrociate, stile manette, alla Mourinho. Feysa Lilesa, etiope medaglia d'argento nella maratona, non potrà tornare in patria: quel gesto mostrato a tutto il mondo sul traguardo del Sambodromo gli costerà caro. "Se torno in patria mi uccidono. O mi mettono in galera".

Perché le manette di Lilesa, ripetute e reiterate, avevano un forte, fortissimo, valore simbolico. Era uno gesto di protesta nei confronti del governo dell'Etiopia, colpevole di bersagliare la popolazione Omoro, un gruppo etnico che vive al confine con il Kenya: "Ci ammazzano, ci mettono in prigione. Le persone spariscono: molti membri della mia famiglia non ci sono più, compreso mio padre", ha spiegato Lilesa.

Il gesto delle braccia a X è quello usato dalla popolazione Oromo nelle proteste contro le forze dell'ordine. Scontri violenti: secondo Amnesty International 67 persone sono state uccise in quella regione nell'ultimo periodo.

"Non posso tornare in Etiopia", ha spiegato Lilesa. "Resto qui in Brasile e cercherò di ottenere un visto per volare in America". Arrivato come atleta dell'Etiopia, Lilesa passa


È arrivato ai Giochi da etiope, li lascia da rifugiato. "Vogliamo la pace. I paesi occidentali appoggiano il governo, che ruba la terra e ammazza le persone. Siamo disperati, ripeterò il mio gesto all'infinito".

IL GOVERNO ETIOPE: "NESSUN PROVVEDIMENTO"

Feyisa Lilesa non subirà alcun provvedimento e potrà tranquillamente rientrare in patria dopo la clamorosa protesta con il gesto delle manette nel vincere la medaglia d'argento alle Olimpiadi di Rio. Lo ha garantito un portavoce del governo dell'Etiopia. L'atleta etiope ha spiegato di aver protestato contro le vessazioni di cui è vittima il suo popolo, gli Oromo. Il gesto delle braccia a X è proprio quello usato dalla popolazione nelle proteste contro le forze dell'ordine. "Anche se non è possibile esprimere una posizione politica ai Giochi Olimpici, l'atleta sarà accolto al ritorno a casa insieme agli altri membri della squadra olimpica etiope", ha detto il portavoce del governo Getachew Reda all tv Fana Broadcasting Corporation.

TAGS:
Momenti olimpici
Rio 2016

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X