Higuain tra Mondiale, mercato e... maldicenze: "La gente spera sempre che ti vada male, ma..."

Il bomber argentino della Juve snobba il mercato e si dice concentrato solo sui Mondiali: "Non ho mai dubitato di poter essere qui"

Higuain tra Mondiale, mercato e... maldicenze: "La gente spera sempre che ti vada male, ma..."

La Juve lo ha messo (ufficiosamente) sul mercato. Lo scambio prospettato con Icardi ha tenuto banco per giorni. Il Chelsea, si dice, lo cerca da tempo. E il suo futuro, comunque lo si voglia vedere, è tutto da definire. Ma Gonzalo Higuain ha oggi davanti a sè un orizzonte monocromatico: non esiste altro che il giallo-oro di quella coppa che gli è sfuggita in Brasile e che ora vuole alzare in Russia. Insomma, per il bomber argentino della Juve questo è il momento di pensare esclusivamente al Mondiale. E, già che ci isamo, di togliersi qualche sassolino dalle scarpe, dando un calcio a invidie e maldicenze. Così, intervistato da TNT Sports nel ritiro dell'Albiceleste, il Pipita sfoggia l'orgoglio di chi sa di avere il proprio destino tra le mani: "Non ho mai avuto dubbi riguardo al Mondiale, ho sempre voluto essere qui. Da ragazzo non mi sarei mai immaginato di giocare tre Mondiali. Disputare una Coppa del Mondo è il top per un calciatore. Le critiche? La gente spera che ti vada male per festeggiare, ma io sono contento e orgoglioso della carriera che ho fatto e che faccio". E che, nei suoi pensieri, vuole ancora fare. Per decidere poi quale maglia indossare al ritorno dalla Russia.

TAGS:
Higuain
Juventus
Argentina
Mercato

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X