Euro 2016: Inghilterra-Islanda 1-2, la favola islandese non ha fine

Vittoria in rimonta per la sorprendente squadra di Lagerback: al rigore di Rooney, rispondono Ragnar Sigurdsson e Sigthorsson

di ANDREA GHISLANDI

Arriva dall'ultimo ottavo di finale la grande sorpresa di Euro 2016. A Nizza l'Islanda batte 2-1 l'Inghilterra in rimonta e si qualifica per i quarti dove affronterà la Francia padrona di casa. Inglesi subito avanti con un rigore di Rooney al 4'. Pronta replica degli islandesi che pareggiano al 6' con il difensore centrale Ragnar Sigurdsson e poi trovano il sorpasso al 18' con Sigthorsson. Nella ripresa gli inglesi ci provano, ma non sfondano.

LA PARTITA

Da una parte i maestri del calcio, l'isola che ha dato i natali allo sport più seguito al mondo e dove il 24 ottobre 1857 è stato fondato lo Sheffield FC, la prima squadra di calcio della storia. Dall'altra, sempre un'isola, famosa soprattutto per i suoi ghiacciai e per i geiser e che sta vivendo la sua favola calcistica proprio qui in Francia. Separate da 1700 km tutti di mare, a Nizza va in scena Inghilterra-Islanda, ultimo ottavo di finale di Euro 2016. Ad attendere la vincitrice ci sono i padroni di casa della Francia. Rispetto all'ultimo match del girone contro la Slovacchia che è costato il primo posto nel girone, Hodgson fa sei cambi: tra gli altri tornano Rooney e Alli, in attacco fiducia a Sterling al posto di Lallana. Rientra anche Kane e gli fa posto Vardy. Il ct inglese si gioca il futuro sulla panchina: una clamorosa eliminazione contro la piccola Islanda sarebbe un'onta con pochi precedenti. Nessun cambio, invece, per Lagerback, che conferma la formazione titolare: in tribuna a fare il tifo c'è anche il neo-presidente della Repubblica Johannesson.

L'inizio gara è scoppiettante con l'Inghilterra che, come da copione, prova subito a mettere alle corde l'Islanda. Dopo soli 3' Sterling viene atterrato dal portiere Halldorsson: rigore solare. Sul dischetto Rooney non sbaglia e segna il suo primo gol in questo Europeo. La gara si mette subito bene per gli inglesi, ma il cuore degli islandesi è più grande della loro isola. Due minuti e arriva il pareggio: Arnason colpisce di testa per il compagno di reparto Ragnar Sigurdsson che batte Hart da pochi passi. Immmediato il pareggio. La gara è davvero piacevole, perché Kane e compagni tengono l'iniziativa, ma gli islandesi difendono bassi senza rinunciare a ripartire. Dopo una botta di Alli, a Nizza succede l'imprevedibile al 18', quando Bodvarsson fa da sponda per Sigthorsson, che dal limite batte Hart tutt'altro che impeccabile. E' il sorpasso della squadra di Lagerback, finora il risultato più sorprendente di tutto il torneo. Il gol dell'attaccante del Nantes ha il grande merito di tramortire i sudditi di Sua Maestà la Regina, che perdono fluidità nel gioco. Kane è lontano parente del giocatore ammirato al Tottenham e si vede solo al 28', quando impegna Halldorsson con un bel tiro al volo. Un lampo in una prova davvero buia. Il muro islandese regge bene, senza soffrire più di tanto e all'intervallo, tra lo stupore generale, la piccola Islanda sta avendo ragione della blasonata Inghilterra.

Nella ripresa ti aspetti la reazione d'orgoglio inglese, ma è l'Islanda a sfiorare subito il tris, ancora con Ragnar Sigurdsson, che in rovesciata fa vicino a una clamorosa doppietta da raccontare ogni giorno a figli e nipotini. Con il passare dei minuti aumenta il nervosismo nella squadra di Hodgson, che ormai vive solo su iniziative individuali a scapito del gioco. Il ct inglese si gioca anche le carte Vardy e Rushford, ma senza fortuna. Hart salva su Gunnarsson e negli ultimi assalti il muro islandese è davvero di ghiaccio come la superficie che ricopre la maggior parte del territorio. Al triplice fischio di Skomina è grande festa per un popolo intero che non vuole risvegliarsi da questo dolce sogno. Gli inglesi escono tra le lacrime e attoniti: un po' come Hodgson, che con questa umiliazione dice addio alla panchina.

LE PAGELLE

Kane 4,5 - Il voto va al di là della prova di stasera. E' la grande delusione dell'Europeo inglese. Nessun gol e tante prestazioni deludenti.
Hart 5 - Hodgson avrà le sue colpe e pagherà per tutti, ma il portiere del City non è stato all'altezza. Che papera su Sigthorsson.
Rooney 6 - Si merita la sufficienza per il rigore e l'impegno.

Ragnar Sigurdsson 8 - L'eroe della serata: pareggia il rigore di Rooney, sfiora il bis in rovesciata e fa un salvataggio alla Cannavaro su Vardy.
Sigthorsson 7,5 - Ha segnato senza dubbio il gol più importante della sua vita e della storia del calcio islandese.
Gunnarsson 7,5 - Non solo barba e rimessa laterale lunga: dà tutto per la sua squadra.

IL TABELLINO

INGHILTERRA-ISLANDA 1-2
Inghilterra (4-3-3): Hart 5; Walker 5,5, Cahill 5,5, Smalling 5,5, Rose 6; Alli 5,5, Dier 5 (1' st Wilshere 5), Rooney 6 (41' st Rashford sv); Sturridge 5, Kane 4,5, Sterling 6 (15' st Vardy 5,5). A disp.: Forster, Heaton, Clyne, Bertrand, Milner, Stones, Barkley, Henderson, Lallana. All.: Hodgson 4
Islanda (4-4-2): Halldorsson 6,5, Saevarsson 7, R. Sigurdsson 8, Arnason 7,5, Skulason 7; Gudmundsson 6,5, Gunnarsson 7,5, G. Sigurdsson 7, B. Bjarnason 7; Sigthorsson 7,5 (32' st E. Bjarnason 6), Bodvarsson 6,5 (43' st Traustason sv). A disp.: Kristinsson, Jonsson, Hermannsson, Magnusson, Ingason, Gudjohnsen, Finnbogason, Hauksson, Hallfredsson, Sigurjonsson. All.: Lagerback 8
Arbitro: Skomina (Slo)
Marcatori: 4' rig. Rooney (IN), 6' R. Sigurdsson (IS), 18' Sigthorsson (IS)
Ammoniti: G. Sigurdsson, Gunnarsson (IS), Sturridge (IN)

TAGS:
Inghilterra
Islanda
Euro 2016
Ottavi di finale
Rooney
Ragnar Sigurdsson
Sigthorsso