TGCOM24
LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI
logo

SportMediaset

Rossi, nulla di eroico ad Aragon

Ma a preoccuparsi deovono essere Yamaha e soprattutto Ducati

Rossi, nulla di eroico ad Aragon

Nulla di eroico. Valentino Rossi ha deciso di correre perché se la sentiva di farlo, il tutto dopo aver consultato i medici. Occorre sottolinearlo perché a 38 anni e mezzo e avendo vinto il possibile e anche l’impossibile, Rossi non è un pazzo che decide all’improvviso di mettere a repentaglio la propria incolumità. Certo, correre in queste condizioni fisiche non è una passeggiata, ma quando il telento appartiene al tu DNA il quinto posto ha quasi il sapore della delusione. Ma ad essere preoccupati dovrebbero essere gli uomini Yamaha, visto che Vinales, unico pilota in corsa per il titolo, ha fatto una fatica bestiale a battere il compagno di squadra.

Preoccupazione che deve essere condivisa dalla Ducati che piazza Lorenzo sul podio nella domenica sbagliata, visto che Dovizioso ha viaggiato sotto la linea di galleggiamento, in affanno sempre e comunque quando i segnali sarebbero dovuti essere altri. Insomma ci si attendeva uno scatto, un guizzo, qualcosa di vitale. Materiale che paradossalmente ad Aragon ha offerto il pilota che ha vissuto una difficoltà cronica nell’adattarsi alla Desmosedici.

Alla fine solo la Honda ha ottimi motivi per sorridere. Marquez vince e accenna alla fuga utile per il mondiale portandosi in scia Dani “corrente alternata” Pedrosa. Bruttissime notizie per la concorrenza.

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X