Rossi non ha scuse: è stato scorretto

Valentino, a parole, ha scatenato Marquez e l'ha pagata in pista

di LUCA BUDEL

Rossi non ha scuse: è stato scorretto

Quelle che ha offerto Sepang sono sequenze che rischiano di creare un danno irreparabile all’immagine di chi, negli ultimi vent’anni, ha riscritto la storia del motociclismo. Come prevedibile le parole pronunciate giovedì da Rossi hanno avuto un effetto controproducente, alimentando l’ego di Marc Marquez, che come tutti i fenomeni dello sport ha scaricato in pista la cattiveria sufficiente per mettere in crisi Valentino.

Un repertorio che in passato lo stesso Valentino ha utilizzato per demolire i suoi avversari. Ciò che nessuno si aspettava da un campione maturo come Rossi è stata la reazione plateale alle provocazioni di Marquez, che fino a prova contraria non è mai stato scorretto nei confronti del rivale. Insomma Marc ha disturbato Valentino, ma lo ha fatto rispettando il regolamento. Cosa che non è avvenuta al momento di quello che è stato un gesto di ripicca.

Giudicare la mossa di Rossi come eccesso di difesa è demenziale, perché fino a quel momento Marquez non aveva ostacolato Rossi in maniera scorretta. Anche la sufficienza con la quale Rossi ha liquidato l’episodio, una volta arrivato al parco chiuso, offende l’intelligenza di chi guarda le corse senza i pensieri offuscati dal tifo pro o contro Valentino e Marc, disciplina preferita da chi sul WEB fa a gara per offendere di più l’uno o l’altro.

Sotto accusa nella domenica avvelenata di Sepang occorre mettere anche la direzione gara che ha impiegato tempi biblici per trovare una soluzione al caso. Visti nomi e volti coinvolti non era un compito semplice, certo, ma le immagini hanno dato fin da subito uno scenario chiarissimo.

TAGS:
Rossi
Marquez
Budel
MotoGP
Malesia
Sepang

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X