Patto di Andorra, Lorenzo: "Notizia falsa e ridicola"

Comunicato congiunto dello spagnolo e del suo entourage: "Non esiste alcun accordo"

Patto di Andorra, Lorenzo: "Notizia falsa e ridicola"

Ma quale patto di Andorra. Jorge Lorenzo ha smentito le accuse lanciate dall'Italia su un presento patto sancito, appunto, ad Andorra, con Marc Marquez. In un comunicato congiunto, il team personale di Lorenzo, ha definito senza mezzi termini "false e ridicole le informazioni su un possibile accordo con Marquez" per ostacolare Valentino Rossi e agevolare quindi la rincorsa mondiale del pilota maiorchino.

"Dalla squadra personale di Jorge Lorenzo - è scritto nella nota - vogliamo smentire in maniera ufficiale e categorica tutto quanto è stato pubblicato nelle ultime ore su una possibile riunione, o patto, di Jorge Lorenzo con Marc Marquez. Una notizia ridicola e senza fondamento pubblicata ieri da La Repubblica e in seguito ripresa da altri media italiani.

Senza alcuna intenzione di alimentare ulteriormento questa situazione, vogliamo interrompere la divulgazione di questo tipo di rumors che non hanno trovato riscontro alcuno prima di essere pubblicate. Ripetiamo una volta ancora che la notizia è assolutamente falsa. Vogliamo inoltre smentire che Lorenzo sia andato alla Direzione di gara dopo il GP di Malesia come hanno scritto alcuni media".

TAGS:
Motogp
Rossi
Marquez
Patto
Lorenzo

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X