MotoGP ad Assen, Rossi: "Siamo già veloci"

Iannone: "Sempre competitivi, il nostro problema è la gara"

MotoGP ad Assen, Rossi: "Siamo già veloci"

Inizia con il piede giusto il weekend di Valentino Rossi, che per 4 millesimi ha mancato il giro veloce nelle libere: "Questa mattina ho fatto un po' fatica, perché ha piovuto tutta notte e la pista era un po' scivolosa. Nel pomeriggio abbiamo fatto buone modifiche e sono stato più veloce, sempre davanti. Con la gomma morbida ho fatto un buon giro anche se purtroppo Iannone mi ha battuto. Il passo gara non è male, ma ci sono 4-5 piloti molto vicini".

"Ho provato il telaio nuovo - prosegue Valentino - ma sinceramente mi trovo meglio con quello standard e proseguiremo con quello. L'Italia all'Europeo? E' sempre difficile battere la Spagna, sarà complicato per noi domenica e sarà complicato per l'Italia lunedì". Per adesso però ci sono i piloti italiani davanti, con Iannone che ha stampato il miglior tempo di giornata: "Non sono stupito, siamo sempre stati competitivi, il nostro problema sono le gare. La domenica siamo sempre un po' al limite e non è facile gestire la situazione. Sappiamo che sarà un weekend difficile, ma siamo partiti con il piede giusto. Stiamo migliorando, ma non sono ancora soddisfatto, nei cambi di direzione la moto tende ad andare verso l'esterno e questo mi penalizza tanto. Dopo Barcellona ero un po' demoralizzato, ma sono arrivato qui carico come sempre. Il chattering di cui parla Dovizioso? Ce l'hanno tutti, c'è chi si lamenta e chi no".

Non solo lamentele per Andrea Dovizioso, che è comunque soddisfatto della sua moto: "Sono molto contento del miglioramento del chattering davanti. Credo però che la nostra velocità non basti ancora, siamo in linea con i primi ma ci manca ancora qualche decimo. Ci sono buone probabilità di pioggia, sul bagnato siamo abbastanza competitivi ma non speri mai di correre sull'acqua. E' facilissimo fare degli errori". Il quarto italiano a entrare nella top ten è Danilo Petrucci: "Mi sento bene e mi piacerebbe andare forte anche su una gara asciutta, vedremo cosa dirà il meteo. Questa pista ha un layout adatto alle Ducati, è molto fluido e non ci sono curve che rientrano. Inoltre abbiamo lavorato tanto sull'elettronica per far resistere il più possibile le gomme".

Jorge Lorenzo, dal canto suo, ha avuto qualche problema di feeling. "Abbiamo provato il nuovo telaio testato a Barcellona, ma qui non ho avuto le stesse sensazioni e quindi avrò bisogno di un altro giorno per capire se va meglio. E' stata una giornata difficile, ma almeno abbiamo provato in condizioni di asciutto. Ci manca ancora qualcosa, specialmente nel T4 e non mi piace del tutto come la moto sta lavorando. Dovremo provare a cambiare il setting. Non siamo molto indietro, ma mi piacerebbe avere un po' più di velocità", ha spiegato. Soddisfatto sembra essere Marc Marquez. "All'inizio non ero a mio agio sulla moto come al solito, ma abbiamo lavorato duramente per trovare una soluzione ai nostri problemi. La cosa più importante è che i cambiamenti hanno funzionato e sono stato in grado di tenere un buon rimto. Siamo stati tra i piloti più veloci in tutta la sessione del pomeriggio, ma abbiamo anche provato cose che penso ci aiuteranno", il commento dell'hondista.

TAGS:
MotoGP
Assen
Ducati
Yamaha
Honda
Marquez
Lorenzo
Rossi