Il vecchio leone morde ancora

Valentino torna a vincere e lo fa massacrando la concorrenza. Perché...

di LUCA BUDEL

Il vecchio leone morde ancora

Azioni in calo? Macché! Il titolo Rossi torna a salire di brutto e lo fa sul mercato spagnolo, quello che negli ultimi anni ha offerto al biondo la concorrenza più feroce. Pole position e vittoria archiviate con facilità imbarazzante, materiale che apparteneva al guardaroba del Rossi giovane, un vestito magico che la sua proiezione di anni 37 ha recuperato nell’armadio del fenomeno. Nel 1996, quando i suoi avversari di oggi giravano a malapena con le minimoto, Rossi ha vinto la prima gara della sua carriera eterna. Brno, Repubblica Ceca, 125 la classe.

Vent’anni dopo a Jerez de La Frontera il Dottore è ancora lassù, sul podio alto, pronto per l’ennesima domenica di festa. Stavolta il numero gli è riuscito come ai vecchi tempi. Nessuna rimonta a rischio come quelle alle quali ci aveva abituato l’anno scorso. Davanti – a testa bassa - dall’inizio alla fine, distruggendo la resistenza di Marc Marquez prima e di Jorge Lorenzo poi.

Un segnale forte e chiaro del vecchio leone, capace ancora di marcare il territorio, nonostante l’asfalto si sia riempito di belve più giovani pronte a tutto per la successione definitiva. Vincere il decimo mondiale sarà missione assai complicata, ma il nome di Rossi sul cartellone giustifica ovunque il prezzo del biglietto.

TAGS:
Motogp
Opinione
Budel
Jerez
Rossi

Argomenti Correlati

CLICCATE E VOTATE

Rossi domina e vince a Jerez: è l'avversario più pericoloso per Marquez?