MotoGP, Marquez dopo le libere: "Sicuro che andremo meglio"

Il leader del mondiale è caduto nelle prime libere, chiuse al secondo posto, mentre nelle seconde ha finito sesto

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Marquez, foto Afp

Più complicata del previsto la prima giornata di prove del gran premio del Giappone classe MotoGP per Marc Marquez. Il leader del mondiale, che potrebbe chiudere il discorso titolo già a Motegi, ha chiuso al secondo posto la prima sessione dopo essere anche caduto mentre nella seconda è finito sesto. "Nelle prime libere non abbiamo lavorato bene e io ho fatto un errore mentre nel pomeriggio è andata meglio", ha detto Marquez. 

Lo spagnolo della Honda ha aggiunto: "Non abbiamo mai usato pneumatici nuovi ma solo gomme ricostruite e di mescola dura per porvare come andavano. Vediamo domani se possiamo migliorare ancora". Poi ancora: "Non si può essere sempre davanti fin da subito. Ad esempio in Aragona Lorenzo era in difficoltà il venerdì ma poi in gara era molto competitivo. Questo mi dà fiducia e convinzione per il resto del weekend". Sulla gara il campione del mondo ha detto: "Lorenzo sarà molto motivato dopo la prima vittoria e vorrà vincere ancora. Io però devo pensare al mondiale e concentrarmi esclusivamente su Pedrosa e Rossi, quelli da controllare".

TAGS:
Motogp
Gp giappone
Marquez
Honda

I VOSTRI COMMENTI

maxeem - 10/10/14

non si assomigliano per niente ne dentro ne fuori la pista! forse, si assomiglieranno, solo per il numero di vittorie!

segnala un abuso

statecollegati - 10/10/14

Ma quale difficoltà sta gigionando un pochino, giusto per rendere l'attesa piu interessante, lo sa che qui potrebbe chiudere i conti e le ultime tre gare avrebbero meno intaresse generale. Gioca un pochino al gatto coi topi, come del resto faceva Valentino al tempo in cui aveva la sua età. Due fuoriclasse che si assomigliano sempre di più. Per la gara comunque a meno che i tre dietro non tirino fuori qualcosa dal cilindro non c'è storia, sempre se è asciutto chiaramente.

segnala un abuso