GP d'Australia: pit stop obbligatorio per il cambio moto/gomme

Le mescole posteriori non durano più di 14 giri e la Direzione Gara corre ai ripari

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Marquez foto Honda

In un comunicato la Direzione Gara informa che la gara sarà di 26 giri. Ogni pilota dovrà effettuare almeno un cambio di moto/gomme, dato che le mescole posteriori non permettono di compiere più di 14 giri. Quindi un cambio prima del 12° obbliga ad effettuarne un 2° per finire la gara. Le MotoGP e le CRT saranno obbligate ad usare le rispettive opzioni hard. Sarà aumentata la zona con il limite di velocità in entrata ed uscita dalla pit lane.

Direzione gara comunicato

Per questo Bridgestone aumenterà il quantitativo di gomme a disposizione dei team nella mescola obbligatoria per correre. Inoltre all'uscita della pit lane, lungo il tracciato sarà evidenziata sull'asfalto una linea bianca da non oltrepassare, per non incorrere in penalità.

Poco prima di questo comunicato, la Commissione Grand Prix, composta da Carmelo Ezpeleta (CEO Dorna), Ignacio Verneda (FIM Executive Director, Sport), Herve Poncharal (IRTA) e Takanao Tsubouchi (MSMA) alla presenza di Javier Alonso (Dorna) e Mike Trimby (IRTA, Segretario del meeting), in un meeting tenutosi a Phillip Island il 19 ottobre, aveva deciso le seguenti modifiche del regolamento sportivo, con effetto immediato.

Attualmente la Direzione Gara è l'unico organo competente per cambiare la distanza di gara. Tale competenza è stata ampliata per autorizzare Direzione Gara a cambiare la distanza di gara fuori dai limiti minimi o massimi definiti dai regolamenti. Recentemente vi sono state situazioni nelle quali team e piloti hanno ignorato le raccomandazioni dei fornitori ufficiali di pneumatici su temi come la pressione delle gomme. Tale possibilità potrebbe aver compromesso la durabilità delle gomme e di conseguenza la sicurezza dei piloti. Il nuovo regolamento è stato approvato perché i team e piloti siano obbligati a seguire i parametri forniti dal direttore tecnico e dall'organizzazione in accordo con i fornitori ufficiali di gomme.

TAGS:
MotoGP
GP
Australia
Gara
Due manche
Phillip Island
Usura gomme
Bridgestone

I VOSTRI COMMENTI

motoooo - 20/10/13

ennesima dimostrazione di un campionato ormai diventato ridicolo.

segnala un abuso

statecollegati - 19/10/13

gitstoner .......... - 19/10/13
Scollegato le gomme le hai scelte te?bravo..no le ha scelte so malgrado il 58, dopo, le avesse scelte prima, lui, oggi lo avrebbero intervistato a fine prove.

segnala un abuso

stilix - 19/10/13

ma quando hanno corso le SBK a inizio campionato, non c'era gia l'asfalto rifatto? Non si erano accorti che che era estremamente abrasivo? A nessuno e' venuto in mente di segnalarlo in modo tale da farci delle prove? Questi si giocano credibilita' e un sacco di soldi in pubblicita' che non potra essere mandata in moto2 e a fare i rappezzi in motoGp per non perdere i soldi quando con un minimo investimento avrebbero potuto fare delle prove e sistemare la cosa: INCOMPETENTI sia DORNA che Bridge

segnala un abuso

statecollegati - 19/10/13

Cito Ducati4ever
le gomme c'erano..erano quelle che sceglieva Stoner per far contento statecollegati.
E per fortuna che stavolta lo hai scritto di tuo pugno, non appena ieri mi davi del bugiardo perchè sostenevo che nel 2011 Stoner si era scelto le gomme per vincere il mondiale, alla faccia degli altri piloti che non stavano in piedi, ed infatti nel 2012 le hanno levate subito. Qui il problema è per tutti, all'epoca era per tutti tranne che per uno. Robyto è vero hai ragione!!! RIDICOLI

segnala un abuso

robytito - 19/10/13

Ma CASEY non lo aveva detto? No e', lui e' quello scorbutico, che si lamenta ecc ecc...!!! E' quello che ha avuto il FEGATO di criticare la DORNA altro che chiacchere!!! RIDICOLI!!!!!

segnala un abuso

-roby- - 19/10/13

Qua si sono giocati ogni credibilita'.Fate ciao ciao con la manina alla Dorna.
Aveva ragione mio nonno, chi troppo vuole...oppure il troppo stroppia...

segnala un abuso