NUMERO 1

Marc Marquez, showman da record

Il cammino della stagione 2013 che lo ha visto imporsi al debutto in MotoGP

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Marc Marquez (AFP)

Tremendo, verrebbe voglia di dire, sia in senso positivo che negativo. Una forza della natura, altri sostengono. Meglio, un fenomeno della velocità. Ma forse la verità è un’altra e il discorso diventa più semplice di quello che si creda. Marc Marquez essenzialmente resta un ragazzo a cui piace correre in moto. E andare forte, molto forte. Troppo spesso da l’impressione di trovarsi impiccato, oltre il limite, tanto da attirare critiche da parte degli avversari e degli addetti ai lavori per comportamenti pericolosi. Fuori le righe sì, ma mai fuori controllo. Perché questo pilota spagnolo con il sorriso stampato in ogni occasione pare sempre in grado di domare quel mostro a due ruote con una facilità disarmante. Viene tutto naturale, tutto facile, tutto incredibilmente perfetto. Fresco, tonico, giovane. Il nuovo primo della classe piace e non piace ma è lì al centro del palcoscenico, sotto le luci della ribalta, nel bene e nel male.

Niente da dire, il 2013 è stato l’anno di Marc Marquez. Dopo la conquista dei titoli mondiali nella Classe 125 (a soli 15 anni!) e in Moto2 di lui si diceva un gran bene, ma nessuno avrebbe potuto prefigurare uno scenario come quello a cui abbiamo assistito negli ultimi mesi. Da aprile a novembre, meno di 12 mesi per entrare in scena e passare da esordiente di lusso a campione del mondo. Un capolavoro da maestro, una stagione da incorniciare, avviata con un ottimo avvio nel deserto del Qatar: subito primo podio e giro più veloce. Quindici giorni più tardi ecco la prima stoccata. In Texas, nel Gran Premio delle Americhe, lo spagnolo riscrive una pagina importante del libro dei record e compie il primo passo nella storia: a 20 anni, 2 mesi e 3 giorni diventa il pilota più giovane di sempre a staccare una pole position, infrangendo il primato di Freddie Spencer che resisteva da ben 31 anni. Il giorno dopo suggella l’impresa con un’incredibile vittoria ad Austin dopo un micidiale sorpasso sul compagno di squadra Daniel Pedrosa, il primo di una lunga serie che faranno discutere a lungo. È il più giovane di sempre a imporsi in una gara di MotoGP. Dopo due sole gare Marc Marquez è in testa alla classifica iridata a pari merito con Jorge Lorenzo. Proprio con il maiorchino a Jerez inizia la contesa tutta spagnola con una sportellata all’ultima curva in un duello simile a quello tra Vale e Gibernau di otto anni prima. A Le Mans, Marquez centra il quarto risultato a podio consecutivo, battendo il precedente record stabilito da Max Biaggi nel 1998.

La caduta del Mugello sembra precludere la prosecuzione di questo impressionante ciclo, eppure resta solo un incidente di percorso isolato. Dopo i podi di Barcellona e Assen, in estate esplode il fenomeno Marquez nella sua totalità: quattro vittorie consecutive a Sachsenring, Laguna Seca, Indianapolis e Brno, successi decisivi capaci di spezzare il fiato agli avversari, colpiti da incidenti e infortuni. Lo spagnolo diventa una celebrità per i numerosi sorpassi compiuti – memorabile quello su Valentino Rossi alla curva del cavatappi, una manovra magistrale simile a quella del Dottore contro Casey Stoner cinque anni prima – ma resta al centro della bufera per un comportamento in pista al limite dell’incidente. Pedrosa ha un conto in sospeso con la fortuna, Lorenzo dà il massimo, ma Marquez non si ferma: un’altra vittoria ad Aragon e quattro secondi posti a Silverstone, Misano, Sepang e Motegi spianano la strada verso la conquista del titolo mondiale a Valencia. La squalifica di Phillip Island per un errore di calcolo della Honda resta l'unica macchia nera di una stagione quasi perfetta. È il più giovane di sempre a conquistare l’iride della classe regina a soli 20 anni e 266 giorni, un primato strappato a Kenny Roberts senior (l’americano lo aveva stabilito nel lontano 1978).

Marc Marquez, esattamente come Sebastian Vettel, è un altro predestinato. Negli ultimi tempi il “nuovo che avanza” sembra essere diventata una costante negli sport motoristici. Sono giovani con tanta fame agonistica e con la voglia di vincere nel sangue, una nuova generazione pronta a riscrivere numeri e record. Ma se per il tedesco possiamo attribuire gran parte dei suoi successi al dominio della Red Bull, nel caso dello spagnolo non dobbiamo dimenticare la grande competizione in pista con gente del calibro di Lorenzo, Pedrosa, Rossi, Crutchlow...gente che in pista proprio non scherza, insomma. Un esordio col botto che per certi aspetti ricorda molto l’incredibile debutto di Lewis Hamilton in Formula 1 con la McLaren nel 2007. Talento puro da vendere.

Il merito principale di Marc Marquez è quello di aver restituito subito una boccata d’ossigeno a un ambiente da poco orfano della presenza di Casey Stoner, ritiratosi dalle scene molto presto. Fa piacere constatate come nell’era dell’elettronica, delle fattore gomma e delle strategie contorte, un pilota come il campione spagnolo possa ancora fare la differenza mettendo in mostra i muscoli e una dose di spettacolarità davvero impressionante. Giù a manetta, quindi, tanti traguardi aspettano di essere tagliati; per Marc Marquez il bello deve ancora venire.

I NUMERI DELLA CARRIERA IN 125, MOTO2 E MOTOGP
(dati aggiornati al Gran Premio di Valencia 2013):

Squadre: Repsol KTM (2008), Red Bull KMT Motosport (2009), Red Bull Ajo Motorsport (2010),
Team Catalunya Caixa Repsol (2011-12), Repsol Honda (2013)
Gran Premi disputati: 96
Pole Position: 37
Vittorie: 32
Podi: 55
Giri più veloci: 27 
Punti totali: 1376
Titoli mondiali: 3 (125, 2010) (Moto2, 2012) (MotoGP, 2013)

TUTTI I RECORD IN MOTOGP

 Più giovane pilota a conquistare punti iridati GP del Qatar 2013 (Losail)
 Più giovane pilota a conquistare un podio GP del Qatar 2013 (Losail)
 Più giovane pilota a ottenere un giro più veloce GP del Qatar 2013 (Losail)
 Più giovane pilota a ottenere una pole position GP delle Americhe 2013 (Austin)
 Più giovane pilota a conquistare una vittoria GP delle Americhe 2013 (Austin)
 Più giovane pilota in testa alla classifica iridata GP delle Americhe 2013 (Austin)
 Più giovane pilota a vincere il titolo mondiale GP della Comunità Valenciana (Valencia)

TAGS:
MotoGP
Honda
Marc Marquez
Stagione 2013
Record

I VOSTRI COMMENTI

stomark - 10/11/13

IMMENSO MARQUEZ.

segnala un abuso

porfuerasiempre - 10/11/13

Rossi pietoso e ridicolo come sempre

segnala un abuso

insigne89 - 10/11/13

grande marc marquez,alla faccia di lorenzo il rosicone

segnala un abuso