MotoGP, Australia: Jorge Lorenzo inizia da leader nelle libere

Nel turno pomeridiano Bautista è 2°, davanti a Pedrosa con un problema tecnico. Rossi è 4°, mentre cade Marquez, 6°

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

Lorenzo foto MotoGP.com

Jorge Lorenzo autografa la prima giornata di prove libere a Phillip Island, girando in 1:28.961 nel secondo turno e precedendo Bautista (Honda, +0.477). Pedrosa parcheggia la moto a bordo pista, causa perno del motore staccato, ma è 3° (+0.517) davanti alle Yamaha di Rossi (+0.576) e Crutchlow (+0.706). E' invece 6° Marquez (+1.028) caduto ad inizio sessione. Poi SmithDe Puniet (ART), seguiti dalle Ducati di Hayden, Dovizioso (+1.793) e Iannone.

Lorenzo ha il giro veloce e un passo da far paura, ma non si rilassa. Dice che il ritmo si alzerà ancora e che non bisogna abbassare la guardia. Dice bene, ma intanto accumula quasi mezzo secondo di vantaggio sugli inseguitori. Gente che al pomeriggio nemmeno la vede la coda della M1 targata 99. Dove solo il cliente Bautista trova il guizzo per accodarsi, o meglio per precedere la RC213V ufficiale di Pedrosa. Detto che Dani chiude il turno in sella ad uno scooter, a causa dell'ennesimo colpo di sfortuna. Infatti, a pochi minuti dalla bandiera a scacchi, uno dei perni che tengono il motore agganciato al telaio della Honda, decidono di sfilarsi, di uscire quasi completamente durante una piega a destra. Zona curva Stoner. Inevitabile il parcheggio nell'erba e la faccia stupita dello spagnolo, a cui non resta che tornare rassegnato ai box.

E' invece l'ultimo settore della pista quello più ostico per Rossi. Un parziale davvero indigesto al 46, che così si ritrova lontano dalla M1 gemella., ma allo stesso tempo in scia alle Honda di Dani e Alvaro per una manciata di millesimi. Mentre dietro si fatica a tenere il ritmo, a partire da Crutchlow, che comunque limita i danni a solo 1 decimino da Valentino. Resta invece 6° (FP2) Marquez, che però è 2° nella combinata. Unico tra i big che non migliora il tempo delle libere del mattino, causa svarione nella sinistra in salita vista panoramica. Posteriore che s'intraversa, anteriore che si chiude e pilota lanciato brutalmente sull'asfalto. Una botta che costringe il 93 sulla seconda moto, con cui però il feeling non si accende e i risultati non arrivano. Un po' quello che succede, al solito, alla pattuglia Ducati, relegata ai margini della top ten con un ritardo da capelli bianchi. Ovvero tra il +1.6 e +1.8. Roba grossa, soprattutto se si considera che De Puniet con l'ART gira a +1.2 dalla vetta, in ottava piazza, marcando la Yamaha di Smith che lo precede.

Infine, va segnalato che Stefan Bradl è stato dichiarato "unfit" dai dottori del circuito e della Clinica Mobile. Non in forma quindi, dopo un secondo controllo medico al termine della FP1. Per questo il tedesco non prenderà parte al GP d'Australia, per recuperare al meglio dall'infortunio al malleolo.

DITE LA VOSTRA

MotoGP: chi farà la pole a Phillip Island?

TAGS:
MotoGP
Motomondiale
Ducati
Yamaha
Honda
Valentino Rossi
Jorge Lorenzo
Nicky Hayden
Andrea Dovizioso
Dani Pedrosa
Marc Marquez
Andrea Iannone
Cal Crutchlow
Stefan Bradl
CRT
ART
FTR
FTR Kawasaki
Australia

I VOSTRI COMMENTI

vadopianolorono - 18/10/13

Suppo e Stoner con tutta la sua squadra cosa ci facevano in Honda???
Bestia che domanda!!!!
Quello che ci facevano Rossi e tutta la sua squadra in Ducati, con risultati opposti!!!!

segnala un abuso

vadopianolorono - 18/10/13

Suppo e Stoner con tutta la sua squadra cosa ci facevano in Honda???
Bestia che domanda!!!!
Quello che ci facevano Rossi e tutta la sua squadra in Ducati, con risultati opposti!!!!

segnala un abuso

stilix - 18/10/13

Avevete visto che la vecchia 1098 e' davanti alla panigale?

segnala un abuso

robi440 - 18/10/13

Domenica sara' il primo GP dell' Australia post l'era Stoner .chiunque vinca qui sara' il primo...degli umani !
Ricordo il magnifico successo con la Ducati nel 2009 proprio davanti a Rossi con la Yamaha nel 2009.....nessun altro come Casey su questa pista!

segnala un abuso

nandop6 - 18/10/13

Ragazzi, ancora con Stoner, che noia.... Anche Stoner è un grande, se non altro per aver vinto con la Ducati, se la Ducati ha un mondiale lo dobbiamo a lui, elettronica o no è inutile tornarci sopra, pochi anni al top, peccato per il suo ritiro, potevamo avere mondiali più belli ma è andata così. Punto.

segnala un abuso

curricurri64 - 18/10/13

penso che la pole la farà chi prenderà il giro senza vento.

segnala un abuso

curricurri64 - 18/10/13

stoner vincerebbe qui (phillip island) anche con uno scooter, valentino rossi.
valentini,prendete esempio da quello che dice il vostro messia.

segnala un abuso