MotoGP: Marc Marquez in pole ad Aragon

Nella qualifica più tirata della stagione Lorenzo è 2° per 10 millesimi, poi Pedrosa e Rossi raccolti in +0.158

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

Marquez foto Honda

Marc Marquez (Honda) firma la pole e il giro record del GP di Aragon, in 1:47.804, battendo per 10 millesimi Lorenzo (2°, Yamaha). Chiude la prima fila Pedrosa (Honda, +0.153) che batte Rossi (Yamaha), 4° per 5 millesimi, davanti alle Honda di Bradl (+0.324) e Bautista (+0.498). Crutchlow (Yamaha) è 7° precedendo il compagno di box, Smith (+1.050). Dovizioso (Ducati, +1.415) è 9° seguito da Espargaro (ART), poi Hayden e Iannone su Ducati.

FP4 - Finalmente Pedrosa ritrova il colpo di reni per portarsi davanti a tutti, almeno nell'ultimo step di prove libere. Dani stampa l'1:48.796 che per 19 millesimi lascia dietro il compagno di box, Marquez, mentre Crutchlow si accoda con 3 decimi di ritardo. Seguono in pressing serrato Bradl (+0.387), Lorenzo (+0.425) e Rossi (+0.426). Dove solo 1 millesimo separa i due alfieri della Yamaha ufficiale! Notevole, come il distacco di 8 decimi tra Bautista 7° (Honda, +0.710) e Dovizioso 8° (Ducati, +1.563). Segno che per le Rosse di Borgo Panigale il weekend spagnolo continua ad essere piuttosto indigesto.

Q1 - Tocca allora a Smith e Iannone andare a meritarsi l'ingresso nell'ultimo step di qualifica, con l'inglese che firma il giro veloce in 1:49.724 seguito dall'italiano, a +0.670. Beffato invece Hernandez, terzo in questo turno, al debutto con la Ducati Pramac (+0.961), ma davanti ad Aoyama e Petrucci. Scassa si ferma invece al 12° posto (+2.581).

Q2 - Pronti-via, è Lorenzo che stampa il nuovo giro record della pista di Aragon, in 1:48.241. Colpo ben assestato al primo tentativo, ma non decisivo, con Rossi che si accoda immediatamente. Segno che oggi le Yamaha sono in grande forma. Arriva Marquez che, però, prende qualche rischio di troppo, fermandosi a +0.174 da uno straordinario Pedrosa. Dani infatti cavalca fiero davanti a tutti con il tempo stratosferico di 1:47.957. E' fatta? Nemmeno a pensarci, perché dopo il cambio gomme si scatena letteralmente l'inferno. Caldissimi, i quattro big accendono caschi rossi a ripetizione, mettendo in scena un finale di qualifica tirato e spettacolare.

Sul filo del rasoio è quindi Marquez a spuntare il vero giro record, battendo di +0.647 il tempo di Stoner del 2011 (1:48.451) e siglando la sua settima pole stagionale (nonché in carriera nella MotoGP). Lorenzo spreme la sua M1, ma alla fine resta senza pole e senza benzina, guadagnandosi comunque il 2° posto a 10 millesimi dalla Honda numero 93. Due fenomeni, che lasciano dietro per 1 decimo e mezzo altri due talenti. Quindi Pedrosa ancora 3°, ma con un passo di quelli che per la gara possono fare paura. Dani che non è affatto entusiasta del suo risultato in qualifica, soprattutto quando scopre di aver preceduto Rossi di soli 5 millesimi. Valentino che è apparso in forma come non lo si vedeva da tempo, tonico e con un bel feeling in sella nel giro veloce. Comunque la pensiate, tutto questo è un bel vedere.

DITE LA VOSTRA

MotoGP, Rossi a un decimo dalla pole di Aragon: ce la farà a stare con i primi tre in gara?

TAGS:
MotoGP
Motomondiale
Ducati
Yamaha
Honda
Valentino Rossi
Jorge Lorenzo
Nicky Hayden
Andrea Dovizioso
Dani Pedrosa
Marc Marquez
Andrea Iannone
Cal Crutchlow
Stefan Bradl
CRT
ART
FTR
FTR Kawasaki
Aragon

I VOSTRI COMMENTI

gitstoner .......... - 29/09/13

Io non tifo rossi neanche se mi da meta del suo patrimonio..

segnala un abuso

gitstoner .......... - 29/09/13

Rossi è l unico che anima cosa?balle su balle è ora di finirla con sta storia inutile....andatevi a vedere un film di fantascenza. ...

segnala un abuso

vadopianolorono - 28/09/13

macclaude: fai bene a essere felice per come le Yamaha hanno fatto questa qualif, ed in particolare quella di Rossi, però di fanfaroni che tifano Rossi ve ne sono tanti, era solo per evitarti di farne parte!!!

segnala un abuso

-roby- - 28/09/13

La temperatura piu' bassa ha permesso queste prestazioni.Rossi con un filo meno di grip va forte,ma appena salgono le temperature non riesce piu'a spingere e girare nel limbo del limite..
Praticamente queste gomme, che a detta di chi le ha provate dice che non sembrano gomme,ma ruote di plastica piene,che tengono piu' di una calamita su asfalto di rame.Il problema e'che per farle lavorare al loro limite bisogna torturarle e tornirle.Oltre all'elettronica bisognerebbe dare un freno alle gomme

segnala un abuso

maxeem - 28/09/13

macclaude noto con piacere che rossi nn è piu vecchio ma è solo la moto che nn va!!! cmq è la gara poi che conta,, vedremo, occhio a pedrosa io dico!!!

segnala un abuso

macclaude - 28/09/13

robi440
Ah ma allora,...non ci siamo capiti,...lasciamo le cose passate,... al passato, pensiamo al presente e al futuro,....
se le cose vanno come sono andate oggi,...anche domani,...... in futuro vedremo,...delle belle gare,....
sei d'accordo,....ecco perche' dico non stare a guardare il capello,...

segnala un abuso

macclaude - 28/09/13

vadopianolorono
Ecco è arrivato il solito guasta feste,...ma dai gioisci con noi,...dimentica i rancori,...Vale è tornato,...speriamo di vedere qualche bella gara,...come ai vecchi tempi,....dai unisciti a noi, creiamo un sito,...tutto per Vale,...se siete
Italiani,...tifate per lui,...quando gioca la nazionale, per chi tifate?,....è allora,...forza Vale!!!!!!!!!!!!!!!!!!

segnala un abuso

robi440 - 28/09/13

macclaude
Non per spaccare il capello...ma in pratica il tuo ragionamento è, che quando Rossi batteva(faticando) Lorenzo,con una moto su sua misura...era merito suo....ora a parte invertite,invece,diventa una scusa !e la coerenza??

segnala un abuso