Mondiali 2018, Brasile-Belgio: lite al Var per il rigore su Gabriel Jesus

Brasile infuriato con Orsato per il penalty non concesso per il fallo di Vincent Kompany

In Brasile-Belgio c'è un episodio che sta facendo discutere. Il contatto in area, al minuto 55 e con la Nazionale del ct Martinez avanti per 2-0, tra Kompany e Gabriel Jesus. Con tanto di discussione molto animata tra gli uomini del Var (capeggiati dall'italiano Daniele Orsato) per assegnarlo o meno . Alla fine alla Seleçao non è stato concesso il rigore che avrebbe potuto riaprire la partita. Ma è curioso proprio quello che è successo nella Var room tra gli arbitri e che ha fatto infuriare il Brasile. 

Rigore o no? Analizzando le immagini e la dinamica dell'azione, l'impressione è che il fallo su Gabriel Jesus possa essere fischiato. Dopo aver visto e rivisto i replay per un lunghissimo minuto e mezzo, Orsato però ha scelto di lasciar proseguire il gioco. Una decisione arrivata dopo un'accesa discussione con gli altri arbitri riuniti davanti ai monitor nella Var room (i tedeschi Borsch e Zwayer e il polacco Gil) e che ora sta provocando dure reazioni sui media verdeoro. Globo Esporte, ad esempio, ci va giù pesante col responsabile italiano del Var, definendolo "cieco". Ma è solo uno dei tanti attacchi scagliati in Brasile contro Orsato, già finito nel mirino in Serie A per la mancata espulsione di Miralem Pjanic nella cruciale sfida dello scorso campionato tra Inter e Juventus.

TAGS:
Calcio
Mondiali 2018
Brasile
Belgio
Orsato
Var

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X