Mondiali 2018, Belgio-Tunisia 5-2: Hazard illumina, Lukaku segna come Cristiano. Che spettacolo!

Un'altra grande prova del Belgio che si candida per essere protagonista assoluto di questo Mondiale. E' quasi agli ottavi ed è la squadra più bella fin qui vista

di ROBERTO OMINI

Belgio-Tunisia 5-2. Il miglior calcio del Mondiale, fin qui, è questo: dei belgi. Dal 3-0 a Panama al 5-2 inflitto alla Tunisia, la qualità di Mertens, Lukaku, Hazard, De Bruyne e gli altri è il segno distintivo di una Nazionale che sta bene,  gioca benissimo e, salvo stravolgimenti, passa agli ottavi. Successo pieno, doppiette di Hazard e di Lukaku a quota 4 come CR7, gol di Batshuayi e le reti di Bronn e Kahzri a consolare gli avversari.

LA PARTITA

Fra le Grandi, questo Belgio ci sta benone. L'impatto col 3-0 inflitto a Panama, debuttante sulla scena mondiale, aveva lasciato il piacevole sapore di una Nazionale ricca di talenti -si sapeva- e soprattutto ben allenata, meditando sulla controprova. E il bis contro la più attrezzata Tunisia è una lecita conferma di quanto Mertens, Lukaku, Hazard, Witsel, De Bruyne, Company e compagni siano una squadra davvero bella da vedere. E da temere, per chi la affronta e la affronterà in questo Mondiale. A prescindere.
L'uno-due che apre (ma non chiude subito) i conti, col rigore di Hazard e il millimetrico diagonale in corsa di Lukaku (assist di Mertens) sono il frutto di fantasia, corsa, geometrie e una condizione fisica al top. Soprattutto di calciatori giovani, buoni, e anzi di più: ottimi. Forse il senso del troppo facile (due gol dopo 16 minuti) allenta un po' la tensione davanti a Courtois, e la prodezza aerea del tunisino Bronn al 18' è il segno che non bisogna mai distrarsi. Ma è anche il senso di una partita che risulta ben giocata. Dunque piacevolissima.
Il talento dei belgi è un'espressione costante del loro gioco palla a terra, accelerazioni improvvise, tocchi di prima, triangoli sarriani da spendere in ogni zona del campo. E una difesa non impeccabile, ma non si può volere tutto dal Pallone, che diamine! La Tunisia, di suo, ci mette le strenua voglia di non affondare, dopo la sconfitta last-minute contro gli inglesi, sfiorando la prodezza del 2-2, perdendo due difensori per infortunio e subendo -all'ennesimo assalto- la rete del 3-1 a opera -manco a dirlo- di Lukaku nel recupero del primo tempo. Lukaku che impone il suo gigantesco fiuto del gol nel tabellone dei marcatori di questo Mondiale: a quota quattro, segna quanto CR7.
Ripresa. Coi tre punti, il Belgio mette in cassaforte gli ottavi di finale. Obiettivo minimo, coinciso con la massima... facilità nel centrarlo. Un altro segno di qualità specifica in un Mondiale che annota, soprattutto, stati di sofferenza fra le Nazionali più attese. Ferme restando -ribadiamo- certe leggerezze difensive dentro le quali le incursioni tunisine trovano idee, spazi e dunque occasioni in una sfida che vede emergere, soprattutto, il talento offensivo. E quello del Belgio è due spanne sopra i tunisini, tant'è che in avvio di ripresa Hazard si concede il bis seminando in contropiede due avversari prima di oltrepassare il portiere tunisino con un pallonetto: 4-1.
Il turn over dei migliori che, a quel punto, il ct Martinez si concede è un'ovvietà. Fuori Lukaku, quattro prodezze in due partite, ma nel suo caso c'è anche un problema alla caviglia che crea ovvia apprensione; fuori Hazard, la sua firma all'altra doppietta del sabato. Spazio a Fellaini e Batshuayi, anche la panchina è un lusso di questo Belgio. Con la saga delle occasione per la quinta rete, la traversa di Batshuayi, i pruriti da gol dalle parti di Courtois e gli infortuni muscolari che affliggono i tunisini dopo i due ko del primo tempo.
I conti si chiudono con un ultimo cenno per il tabellino marcatori, lo firma Batshuayi subentrato a Lukaku, la rete di Khazri per il bis tunisino e con questo credito che il Belgio si apre nel tabellone delle favorite per conquistare il titolo mondiale. Gli applausi, come minimo, se li merita.

LE PAGELLE

Courtois 7 - Due gol li ha subiti, un paio li ha evitati. Nella festa del Belgio, c'è una fase difensiva che merita di essere registrata e un portiere che sa essere protagonista.
Witsel 6,5 - Tiene a bada la voglia di scappare in avanti dei suoi compagni di centrocampo, sacrificando la sua voglia offensiva. Molto attento.
De Bruyne 7 - Non brilla come sa fare lui, ma è lo stesso un prezioso riferimento.
Mertens 7 - La fase offensiva è il pezzo pregiato del suo repertorio. E nel tridente con Lukalku e Hazard si trova come a... Napoli.
Lukaku 8 - Che dire: due gol all'esordio, altri due contro la Tunisia, nel tabellone marcatori è alla pari col Pallone d'oro in carica. C'è però un problema, emeroso nel dopo-gara: Lukaku ha avvertito un fastidio alla caviglia. Ovvia l'apprensione.
E. Hazard 8 - Qualità finissime, di regia avanzata e di fiuto del gol. Si procura il rigore e inventa il pallonetto in contropiede.

IL TABELLINO

BELGIO-TUNISIA 5-2
Belgio (3-4-3): Courtois 7; Alderweireld 6, Boyata 5,5, Vertonghen 5,5; Meunier 6,5, Witsel 6,5, De Bruyne 7, Carrasco 7; Mertens 7 (41' st Tielemans), Lukaku 8 (14' st Fellaini 6,5), E. Hazard 8 (23' st Batshuayi 6,5). A disp.: Mignolet, Casteels, Vermaelen, Kompany, T. Hazard, Januzaj, Dembele, Chadli, Dendoncker. Ct. Martinez 7
Tunisia (4-2-3-1): Ben Moustapha 6,5; Bronn 6,5 (24' Naguez 6), Meriah 5, S. Ben Youssef 5 (42' Benalouane 5,5), Maaloul 5; Sassi 6 (14' st Sliti 6), Skhiri 6; Badri 6,5, Khaoui 6, F. Ben Youssef 6; Khazri 6,5. A disp.: Mathlouthi, Hassen, Haddadi, Bedoui, Ben Amor, Khalil, Sbarfi, Khalifa, Chaaleli. Ct. Taaloul
Arbitro: Marrufo (Usa)
Marcatori: 6' E. Hazard rig. (B), 16' Lukaku (B), 18' Bronn (T), 48' Lukaku (B), 6' st E. Hazard, 45' st Batshuayi (B), 48' st Khazri
Ammoniti: Sassi (T)

TAGS:
MondialiRussia2018
Belgio
Tunisia
Hazard
Lukaku

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X