Luka Modric, da rifugiato di guerra alla finale dei Mondiali 2018

Un'infanzia particolarmente difficile non ha impedito al croato di diventare uno dei migliori centrocampisti

Un'infanzia passata come rifugiato di guerra non è bastata per spegnere i sogni di Luka Modric, un bambino che nonostante il suo fisico esile è riuscito a riscrivere il suo destino e a raggiungere prima la gloria con il Real Madrid e adesso la finale della Coppa del Mondo con la sua Croazia.

Con la fascia da capitano al braccio ha mostrato anche in Nazionale le enormi doti tecniche che negli anni lo hanno fatto emergere con i blancos e il rigore fallito durante i tempi supplementari contro la Danimarca non ha oscurato un Mondiale da vero protagonista, per il quale già si parla di Pallone d'Oro. La finale di domenica dirà se Modric riuscirà ad aggiungere il prestigioso torneo tra le pagine della sua favola, una favola già bellissima.

TAGS:
Modric
Croazia
Finale
Coppa del Mondo
Mondiali
Russia 2018
Francia