Inghilterra vittima degli sfottò: "It's not coming home". Ma alla base c'è un equivoco

Il canto intonato dai tifosi di Sua Maestà è stato scambiato per spocchia, ma la verità è un'altra

La cavalcata dell'Inghilterra al Mondiale in Russia si è conclusa in semifinale, eliminata ai supplementari dalla Croazia. Un bel cammino accompagnato sin dai primi giorni dal canto "It's coming home", sta tornando a casa. Il calcio? La coppa o cosa? No, l'Inghilterra e lo sfottò social - "It's not coming home" non ha tardato un attimo a farsi sentire. Il tutto però è nato da un equivoco: il coro inglese è stato scambiato per spocchia, ma la realtà è un'altra. 

LA STORIA DI "IT'S COMING HOME"

Dall'inizio del Mondiale a questa parte una vecchia canzoncina anni Novanta è tornata di moda in Inghilterra e di dominio pubblico in tutto il mondo. "It's coming home" recita il ritornello, usato come coro dai tifosi inglesi tanto allo stadio quanto nei pub e sui social. Sta tornando a casa, in un chiaro contesto di Coppa del mondo e di calcio, un concetto che all'apparenza è sembrato decisamente sbruffone. Ma la realtà è un'altra, difficile da spiegare a chi la realtà inglese la vive solo da lontano.

In realtà la canzone "Three Lions" da cui il ritornello, in origine è tutto fuorché un inno alla sfacciataggine, anzi, è il modo autoironico con cui "gli inventori del football" si sono sempre presi poco sul serio anche prima di questo Mondiale in Russia. Sono stati i risultati sul campo di Kane e compagni, semmai, a fuorviare un po' tutti. Il testo della canzone è tutt'altro che presuntuoso e parla di come l'Inghilterra (con riferimento all'Europeo in casa del 1996) saprà come sempre mandare tutto all'aria, sicuri di non poter vincere ancora una volta.

Questa volta con la giovane selezione di Southgate gli inglesi hanno iniziato a crederci per davvero, magari non fino in fondo ma più di quanto non avessero fatto da Italia '90 in poi, sempre con la stessa canzone in sottofondo anche nei momenti bui. Quasi sorpresi in Russia, come hanno ammesso diversi supporters su Twitter, spaesati. E allora via con l'unica cosa da fare: intonare "it's coming home".

TAGS:
Mondiali 2018
Russia 2018
Inghilterra
It's not coming home

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X