18 giugno 2002 - Corea del Sud-Italia 2-1: lo scandalo Byron Moreno e l'eliminazione degli azzurri

Dopo Inghilterra '66, un'altra Corea per la Nazionale: decide un colpo di testa di Ahn, attaccante del Perugia

18 giugno 2002 - Corea del Sud-Italia 2-1: lo scandalo Byron Moreno e l'eliminazione degli azzurri

18 giugno 2002: Corea del Sud-Italia 2-1. Siamo negli ottavi del Mondiale e gli azzurri di Giovanni Trapattoni si sono qualificati a fatica, dopo aver vinto contro Ecuador, perso con la Croazia e pareggiato con il Messico. L'arbitro è Byron Moreno, per noi italiani l'esempio negativo di arbitraggio. E' infatti ritenuto il responsabile di questa sconfitta, una seconda beffa contro la Corea, anche se nel 1966 in Inghilterra si trattava di quella del Nord. In questa gara c'è di tutto: mancate sanzioni per gli interventi fallosi dei coreani, che provocano un infortunio a Zambrotta, costretto ad uscire dal campo per un intervento in scivolata da dietro, e Coco che, colpito da una gomitata, prosegue la partita con una vistosa fasciatura al capo. Poi, c'è l'espulsione di Totti e il gol annullato a Tommasi. Così al vantaggio di Vieri (18') risponde Seol al minuto 88. Ai supplementari il golden gol di Ahn, attaccante del Perugia, ci condanna all'eliminazione.

TAGS:
Calcio
Mondiali
Corea del Sud
Italia

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X