TGCOM24
LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI
logo

SportMediaset

Gennaio, quando cambia la stagione: tanti acquisti decisivi, alcuni inutili

Liverpool e Atletico Madrid hanno investito tanto per Van Dijk e Diego Costa: in passato alcuni campioni sono risultati fondamentali, ma altre volte...

Virgil van Dijk dal Southampton al Liverpool per 85 milioni, Diego Costa dal Chelsea all'Atletico Madrid per 65 milioni: il calciomercato di gennaio, considerato di "riparazione", in realtà è partito con i botti. Reds e Colchoneros hanno investito enormi risorse per alzare le rispettive asticelle: Klopp punta a fare strada in Champions e ad entrare nelle prime quattro in Premier, Simeone vuole vincere l'Europa League e provare ad avvicinare il Barcellona nella Liga. Per tutte le altre, c'è tempo dal 3 al 31 gennaio: il tempo per mettere a segno altri colpi importanti non manca. La storia, però, insegna che il mercato di gennaio è spesso un'arma a doppio taglio.

Gennaio, quando cambia la stagione: tanti acquisti decisivi, alcuni inutili

L'illusione è sempre la stessa: cambiare verso alla stagione con qualche innesto mirato accendendo la fantasia dei tifosi. L'anno scorso ad approfittarne era stata l'Inter con Gagliardini, lo sarebbe stato per il Milan se Deulofeu non fosse stata una meteora in prestito. Non hanno lasciato traccia i vari Pavoletti, Rincon, Saponara e Grenier. Due anni fa, invece, la Roma con Perotti e El Shaarawy cambiò passo, molto bene Quagliarella alla Samp, così così Eder all'Inter; tre anni fa, invece, i nerazzurri fallirono il loro obiettivo con Shaqiri e Podolski ma si consolarono con Brozovic. Male Eto'o alla Samp e Doumbia alla Roma, mentre la Fiorentina fece sbarcare in Italia Salah senza poi riuscire a trattenerlo.

Ora c'e' molta curiosità per la sessione 2018, ricordando però come il mercato di gennaio sia più difficile di quello estivo: tempi ridotti, budget limitati. A volte si trovano campioni come Thiago Silva, Stankovic e Nainggolan, ma è più facile fallire come con Edmundo, J.Mari e Fabio Jr. Ci vuole acume, ma il bidone è in agguato. E' ampio il panorama in chiaroscuro: il Milan fa il colpo nell'ottobre 1993 (quando il mercato bis è in autunno) con Desailly (accoppiata scudetto-Champions). Nel 1994 c'è il pasticcio Figo, che firma per Juve e Parma e la Fifa gli vieta l'Italia per due anni. Poi il Milan cede Davids nel 1998 alla Juve e l'olandese giganteggia nel tricolore di Lippi. Va meno bene alla Fiorentina del Trap quando spende 13 mld per Edmundo: "o animal' un anno dopo molla tutti per nostalgia del carnevale e i viola perdono l'autobus scudetto. Diversa la parabola di Stankovic: la Lazio deve cederlo, lui approda all'Inter e con Mancini e Mourinho vince tutto. Poco propizio il trasferimento dalla Roma al Real di un Cassano ingrassato nel 2006. Meglio andrà nell'inverno 2010 il suo passaggio al Milan: con 4 gol contribuisce allo scudetto di Allegri.

Nelle sue mille vite calcistiche Ronaldo approda al Milan dal Real per 7.5 milioni: è il gennaio 2007 e il Fenomeno zittisce tutti con 7 gol in 14 gare. Nella stessa sessione gran colpo del Palermo: arriva Cavani dal Danubio per 5 mln. Poi il Matador vola alto col Napoli che lo cede al Psg per 64 mln. Cominciano casualmente a gennaio due brasiliani importanti: il Milan blocca Pato per 22 mln nel 2007, ma per le direttive Fifa l'esordio è a gennaio 2008. Nel successivo dicembre Galliani cattura Thiago Silva per 10 mln, ma i posti di extracomunitari sono pieni per cui debutta nel settembre 2009. Nella lotta scudetto 2010 Inter e Roma da gennaio contano su Pandev e Toni, che replica con poca fortuna nel 2011 in bianconero. Nel gennaio 2012 va bene all'Inter (Guarin), alla Lazio (Candreva), va male a Milan (Maxi Lopez), Genoa (Gila), Juve (Borriello) e al Napoli (Vargas).

Due colpi nel 2013 che per diversi motivi non pagano: Balotelli dal City al Milan per 20 mln, Rossi dal Villarreal ai viola per 16. Kovacic va all'Inter. L'anno dopo gran colpo della Roma che per sostituire Strootman ingaggia Nainggolan, bene Okaka alla Samp, male Hernanes all'Inter ed Essien nel Milan, mentre ci vuole un anno perché Jorginho si ambienti a Napoli. Ma può andare peggio. La serie A si lecca ancora le ferite per tante meteore: il brasiliano Gilberto all'Inter nel gennaio 1999, l'argentino Coloccini nel 2004 e lo spagnolo Jose' Mari costato 40 mln al Milan nel dicembre 1999. La Juve ha sulla coscienza nel gennaio 1999 l'attaccante argentino Esnaider preso a 16 mln. Ma è l'anno delle bufale perché la Roma spende 30 mln per Fabio Junior, presentato come l'erede di Romario e Ronaldo. Non andò esattamente così...

TAGS:
Calciomercato
Gennaio
Van dijk
Diego costa
Davids
Stankovic
Henry

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X