Ronaldo è un affare... Real: un capolavoro per la Juve e una mostruosa plusvalenza a Madrid

Un trasferimento vantaggioso per tutti, anche per il fuoriclasse portoghese che potrà avvalersi di un regime fiscale molto favorevole

Ronaldo è un affare... Real: un capolavoro per la Juve e una mostruosa plusvalenza a Madrid
Finanziariamente l'operazione-Ronaldo è stata estremamente vantaggiosa per il Real Madrid: preso nove anni fa per 94 milioni di euro dal Manchester Utd, lo ha rivenduto oggi per circa 100 milioni. Tutta plusvalenza. Per la Juve, invece, senza ombra di dubbio una grandissima "operazione sportiva" e una altrettanto fenomenale "operazione d'immagine". E dal punto di vista finanziario?

Cristiano Ronaldo è stato pagato, si è detto, circa 100 mln. A questo si aggiungono i 12 mln di commissione per il procuratore Jorge Mendes e altri 5 come premio di valorizzazione. L'ingaggio, per quanto è filtrato, è di 30 milioni a stagione per quattro anni. Basandoci allora sulle stime di Calcio e Finanza, ne deriva che il costo aziendale del portoghese è di circa 69 milioni all'anno (il prezzo pagato al Real Madrid per acquistare i diritti alle prestazioni sportive del calciatore e la durata del contratto) da cui si calcola - scrive il giornale - un ammortamento annuo di 28 milioni (25 milioni per il cartellino e 3 milioni di oneri accessori capitalizzati). Da tutto questo ne consegue che l’impatto dell’acquisto di CR7 sul bilancio 2018-2019 della Juve si può stimare in circa 97 milioni.

Detto questo, prosegue l'analisi citata, si passa al capitolo ricavi. La crescita che un acquisto del genere può portare viene calcolata intorno al 30 percento. Per il capitolo merchandising il saldo positivo è indicato così in circa 6 milioni di euro in più rispetto a quanto stimato per il 2017-2018 (23,14 milioni contro i 17,8 milioni della stagione da poco conclusa). Non è invece detto che ci possano essere degli aumenti immediati nelle sponsorizzazioni in essere. Anzi, nelle ipotesi fatte sempre da Calcio e Finanza questo viene al momento escluso (perché mai Adidas dovrebbe aumentare il proprio esborso per l'arrivo di un uomo Nike?).

In ogni caso, in base alla ipotesi alquanto verosimile di un aumento dei ricavi commerciali del 30%, rispetto alla scorsa stagione, la Juve avrebbe a disposizione circa 27 milioni di euro in più. Altri 21 milioni in più potrebbero arrivare dallo stadio, tenuto conto dell'aumento del prezzo degli abbonamenti e dei biglietti. E ancora il capitolo Champions. Con la nuova formula, il club bianconero incasserà 27 milioni in più rispetto al 2017-2018, ipotizzando un cammino un cammino simile a quello della scorsa stagione, addirituttura 48 in più in caso di vittoria finale.

Sommato tutto questo, l’aumento dei ricavi stimato da Calcio e Finanza è compreso in una forbice che va da 81 e 102 milioni. Per arrivare a coprire i maggiori costi a bilancio dovuti all'ingaggio di CR7 (all'incirca 128,5 mln) ecco che potrebbero servire dai 25 ai 45 mln. Soldi da incassare grazie al mercato in uscita, agendo sul fattore plusvalenze.

IL FISCO ITALIANO AMICO DI RONALDO

E Ronaldo? Ronaldo guadagnerà (come ingaggio Juve, si intende) circa 30 milioni a stagione. Ma soprattutto, per quanto concerne tutti gli altri suoi introiti, potrà avvalersi della nuova normativa fiscale introdotta dalla legge di Stabilità del 2017 che permette a chi si trasferisce in Italia di optare per il regime sostitutivo per i guadagni conseguiti all’estero. In pratica CR7 pagherà un forfait di 100mila euro annui sui redditi extra-italiani, mentre i suoi familiari pagherebbero un forfait di 25mila euro cadauno. E se si calcola che secondo Forbes i suoi guadagni extrasalario sono stati pari nel 2017 a oltre 54 milioni di euro, è chiaro che lo sbarco in Italia per Cristiano Ronaldo è piuttosto conveniente.

TAGS:
Juve
Ronaldo
Real Madrid
Mercato
Clacio e finanza

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X