SportMediaset

Caso De Gea, il Real Madrid accusa lo United: "Documenti spediti in ritardo"

Secondo i blancos il contratto è arrivato dopo la mezzanotte: il Real non farà ricorso. Lo United non ci sta: "Noi corretti"

David De Gea, AFP

In un comunicato ufficiale, il Real Madrid ha spiegato i motivi del fallimento dello scambio De Gea-Navas. Stando ai madrileni, lo United non ha inviato in tempo utile la documentazione relativa al portiere spagnolo, facendo saltare la trattativa: il Real ha dunque bloccato anche il trasferimento di Keylor Navas e annunciato di non voler far ricorso. A Manchester non ci stanno: "Abbiamo agito in modo corretto".

LA RISPOSTA DELLO UNITED

Anche il Manchester United ha affidato a un comunicato la sua versione del pasticcio De Gea.

"Prendiamo atto delle dichiarazioni del Real Madrid riguardo alla trattativa che avrebbe dovuto portare alla cessione di De Gea e all'arrivo di Navasa e ci sentiamo in dovere di chiarire alcune cose: il Manchester United non aveva alcuna intenzione di cedere un giocatore importante come De Gea e quindi non ha contattato il Real Madrid ma è stato contattato dal Real Madrid. Fino all'ora di pranzo di ieri nessuna offerta era mai pervenuta, poi il Real ha fatto la sua proposta e si è arrivato ad un accordo che prevedeva l'arrivo allo United di Navas. Le due trattative erano tra loro legate. Il Manchester United ha inviato i documenti validi per i trasferimenti di De Gea e Navas alle 20,42, il Real ha inviato la documentazione relativa a De Gea alle 22,32 senza la pagina con le firme, il tutto mentre la documentazione relativa a Navas non era ancora stata rispedita. Il Real Madrid non ha caricato nel TMS i documenti in tempo, cosa che invece noi abbiamo fatto. Sia la Football Associations che la FIFA sono concordi con le nostre affermazioni. Noi agiamo sempre in modo appropriato ed efficace in sede di mercato. Siamo comunque lieti che De Gea resti un giocatore del Manchester United".

LA GIORNATA DI IERI

Alle 13 di oggi era già stata organizzata la conferenza stampa di presentazione di De Gea al Bernabeu. Ma qualcosa è andato storto. Nella giornata di ieri il Manchester è stato impegnato per diverse ore sull'acquisto di Martial dal Monaco. Così la procedura per l'affare De Gea è partita più tardi. E mentre il mercato della Premier League chiude oggi alle 18 (ora di Londra), quello spagnolo chiudeva alla mezzanotte di ieri.

L'affare era apparecchiato: De Gea al Real Madrid per 30 milioni di euro, Keylor Navas al Manchester per 15 milioni. Lo United ha fatto sostenere le visite al portiere della Costa Rica direttamente a Madrid. Nel frattempo, con frenesia, venivano compilati i documenti. Alle 00.01, però, non era ancora arrivato nulla all'ufficio della Liga: affare saltato.

Inizialmente i media spagnoli hanno diffuso la voce che il contratto sarebbe arrivato con un minuto di ritardo. Poi è arrivata la notizia che il Real Madrid non sarebbe stato in grado di aprire l'allegato inviato dallo United attraverso l'email. In realtà, come riporta As, la documentazione completa è arrivata negli uffici della Liga alle 00.28, quindi ben oltre la deadline. Il doppio affare è quindi definitivamente saltato, con Navas che resta con le merengues e De Gea che rimane a Manchester.

Impietose le prime pagine dei quotidiani spagnoli: l'aggettivo più ricorrente è "ridicolo Real". Florentino Perez, sotto accusa sia per aver tardato nella trattativa sia per non aver mai ingaggiato un direttore sportivo all'altezza, ha dunque chiarito attraverso il sito del club la dimanica della trattativa naufragata.

TAGS:
Real madrid
Manchester united
David de gea

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X