Mondiali 2018: nella sola fase a gironi puntati 321 milioni, superato il totale di Brasile 2014

Un Mondiale 2018 da ricordare per gli operatori di scommesse che, nonostante la mancata partecipazione dell’Italia, nelle prime due settimane del torneo hanno raccolto più del totale realizzato nell’intera edizione di Brasile 2014. Merito soprattutto, secondo i dati dell’ ADM, delle

e scommesse online che rispetto a quattro anni fa hanno registrato una forte crescita. Numeri alla mano, al termine della fase a gironi la raccolta è stata superiore ai 321 milioni di euro, di cui 178 arrivati dalle scommesse in agenzia, mentre le giocate online hanno superato quota 142 milioni. Nel 2014, a fine manifestazione, il totale della raccolta a distanza fu di soli 75 milioni, contro 192 milioni in agenzia. Il dato di questa edizione si può spiegare in parte con l’entrata nel mercato italiano di nuovi operatori, cui si è aggiunta l’introduzione del palinsesto complementare, ovvero puntate ad hoc proposte dai bookmaker per ampliare il ventaglio di offerta di scommesse per i giocatori, come la possibilità di scommettere sui record di gol o sull’utilizzo o meno della Var in una partita. lp/AGIMEG L'articolo Mondiali 2018: nella sola fase a gironi puntati 321 milioni, superato il totale di Brasile 2014 proviene da AGIMEG, Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco.