SportMediaset

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

AFP

Foto 2

AFP

Foto 3

AFP

Foto 4

AFP

Foto 5

AFP

Foto 6

AFP

Foto 7

AFP

Foto 8

AFP

Foto 9

AFP

    Il gesto di Lilesa per il popolo Oromo

    Il pugno nero di Tommie Smith a Città del Messico 1968. E ora le braccia incrociate, stile manette, alla Mourinho. Feysa Lilesa, etiope medaglia d'argento nella maratona, non potrà tornare in patria: quel gesto mostrato a tutto il mondo sul traguardo del Sambodromo gli costerà caro. "Se torno in patria mi uccidono. O mi mettono in galera". Perché le manette di Lilesa, ripetute e reiterate, avevano un forte, fortissimo, valore simbolico. Era uno gesto di protesta nei confronti del governo dell'Etiopia, colpevole di bersagliare la popolazione Omoro, un gruppo etnico che vive al confine con il Kenya: "Ci ammazzano, ci mettono in prigione. Le persone spariscono: molti membri della mia famiglia non ci sono più, compreso mio padre", ha spiegato Lilesa. Il gesto delle braccia a X è quello usato dalla popolazione Oromo nelle proteste contro le forze dell'ordine. Scontri violenti: secondo Amnesty International 67 persone sono state uccise in quella regione nell'ultimo periodo. "Non posso tornare in Etiopia", ha spiegato Lilesa. "Resto qui in Brasile e cercherò di ottenere un visto per volare in America". Arrivato come atleta dell'Etiopia, Lilesa passa È arrivato ai Giochi da etiope, li lascia da rifugiato. "Vogliamo la pace. I paesi occidentali appoggiano il governo, che ruba la terra e ammazza le persone. Siamo disperati, ripeterò il mio gesto all'infinito".

    >
    Lamborghini apre a Milano

    Lamborghini apre a Milano

    Inaugurato il nuovo showroom insieme al gruppo Bonaldi

    Maradona, Foto LaPresse

    Maradona "Dios Umano"

    Napoli, murale enorme dedicato a Diego

    La Serata delle Stelle: in campo per la Ghirotti Onlus

    La Serata delle Stelle: in campo per la Ghirotti Onlus

    Evento benefico all'Acquario di Genova

    adidas presenta la collezione Turbocharge

    adidas Turbocharge

    La casa tedesca punta sul verde per i nuovi modelli

    F1, il primo botto della stagione è di Palmer

    Il primo botto è di Palmer

    L'inglese sbatte contro le berriere nelle libere australiane

    Brasile show con Paulinho, Messi piega il Cile

    Paulinho fa la superstar

    Tripletta per il brasiliano. E Messi si vendica col Cile

    La rassegna stampa sportiva del 24 marzo

    I giornali: 24 marzo

    Lo sport sui quotidiani italiani e stranieri

    F1, Hamilton firma prima giornata di prove a Melbourne

    Start your engines!

    A Melbourne la prima giornata di prove firmata Hamilton

    Vinales, ANSA

    Viñales domina la FP1

    Lo spagnolo è il più veloce nelle prime libere in Qatar

    Luzhniki Stadium (Afp)

    Mondiali 2018, stadio finale quasi pronto

    Lavori senza sosta allo Luzhniki Stadium

    Foto IPP

    MotoGP: parte la stagione

    Le annuali foto di rito dei piloti

    foto Afp

    La Cina sogna il mondiale

    Marcello Lippi fa sognare la Cina. L'esordio deludente contro il Qatar, aveva allontanato la qualificazione ai mondiali, ma ora la vittoria 1-0 sulla Corea del Sud del tedesco Stielike mantiene viva la speranza. Un successo storico, il secondo in 32 sfide arrivato grazie alla rete di Yu Dabao, attaccante del Beijing Guoan al 34'. Partita giocata con misure di sicurezza straordinarie e 10mila agenti a garantire l'ordine pubblico fuori dallo stadio di Changsha.