Formula E

Menu
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn

Mercedes EQ accende di blu Piazza di Spagna

Per una notte Piazza di Spagna si illumina del colore della mobilità del futuro. È l’omaggio che Mercedes EQ, il nuovo brand 100% elettrico della Stella, ha voluto dedicare alla città di Roma, attraverso un flash mob che ha coinvolto oltre 500 persone. L’occasione per salutare il debutto di Mercedes EQ nel campionato di Formula E in qualità di sponsor per l’European leg 2017/18 dell’ABB FIA Formula E Championship e presenting partner della gara nella Città Eterna. All’evento di Roma, Mercedes EQ ha riservato due anteprime assolute per il pubblico italiano: la EQA, il primo concept EQ full electric nel segmento delle compatte, e la smart vision EQ fortwo, il robotaxi del futuro, a guida completamente autonoma. Sabato 14 aprile alle 13,45, sul tracciato cittadino dell’EUR, gli appassionati del marchio smart potranno, inoltre, assistere alla sfilata di presentazione della smart EQ fortwo e-cup, il primo trofeo monomarca 100% elettrico.

>
Roma, ci pensa Schick

Roma, Schick non basta

A Frosinone con l'Avellino finisce 1-1

Ducati, via al WDW di Misano

Via al WDW Ducati

A Misano si è aperta la tre giorni dedicata alle Rosse di Borgo Panigale

Milan, buona la prima: Suso e Calabria piegano il Novara

Milan, buona la prima

Amichevoli: i rossoneri battono 2-0 il Novara

Ecco il nuovo acquisto del Real Madrid: Vinicius Junior

Il Real Madrid presenta Vinicius

L'attaccante brasiliano al Santiago Bernabeu

Il Tas riammette il Milan: le reazioni del web

I tifosi rossoneri esultano per l'Europa League

Raikkonen, ANSA

La F1 torna a Hockenheim

Dopo un anno di pausa si corre di nuovo il GP di Germania

Vettel, Twitter

Seb, vittoria nel mirino

Casco speciale nel GP di casa per il tedesco della Ferrari

Abbate Jr. campione italiano Formula 2

Abbate Jr. campione italiano Formula 2

Show del pilota tremezzino a San Nazzaro sul Po

Nasce la Milano Tennis Academy

Nasce la Milano Tennis Academy

Progetto ambizioso di Franco Bonaiti, Ugo Pigato e Pier Carlo Guglielmi