• Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

Lapresse

Foto 2

Lapresse

Foto 3

Lapresse

Foto 4

Lapresse

Foto 5

Lapresse

Foto 6

Lapresse

Foto 7

Lapresse

Foto 8

Lapresse

Foto 9

Lapresse

Foto 10

Lapresse

Foto 11

Lapresse

Foto 12

Lapresse

Foto 13

Lapresse

Foto 14

Lapresse

Foto 15

AFP

Foto 16

AFP

Foto 17

AFP

Foto 18

AFP

Foto 19

AFP

Foto 20

AFP

Foto 21

AFP

Foto 22

AFP

Foto 23

AFP

Foto 24

AFP

Foto 25

AFP

Foto 26

AFP

Foto 27

AFP

Foto 28

AFP

Foto 29

AFP

    Ali, il più grande di tutti: le foto

    Muhammad Ali e' morto nella notte in un ospedale di Phoenix, in Arizona. Lo ha reso noto la famiglia con una dichiarazione. L'ex campione del mondo dei pesi massimi e oro olimpico a Roma '60 era stato ricoverato giovedi' 2 giugno per "precauzione". Le sue condizioni non erano state giudicate gravi, ma data l'eta' e il morbo di Parkinson, di cui 'il Piu' Grande' era malato da trent'anni, i medici avevano scelto la strada della prudenza. L'ex Cassius Clay, che aveva lasciato la boxe nel 1981, era stato in ospedale diverse volte negli ultimi anni. L'ultima nel gennaio 2015, per una grave infezione alle vie urinarie, sebbene in un primo momento gli fosse stata diagnosticata una polmonite. Pochissime da anni le sue apparizioni pubbliche, e nelle piu' recenti era apparso sempre piu' sofferente e fragile. Anche l'ultima volta, lo scorso 9 aprile, quando aveva voluto partecipare alla 'Celebrity Fight Night' a Phenix, un evento annuale che e' anche occasione per una raccolta fondi a favore della ricerca contro il Parkinson. Era tuttavia in evidenti difficolta' fisiche, sorretto per tutto il tempo e con il viso nascosto dietro un paio di occhiali scuri. Prima di allora aveva preso parte ad un tributo a lui dedicato nella sua citta' natale, Louisville in Kentucky. Il morbo di Parkinson di cui soffriva fu palese al mondo per il tremore delle mani mentre accendeva la torcia olimpica nel 1996, ai Giochi di Atlanta. Eppure Muhammad Ali era rimasto attivo a lungo come figura pubblica. Nonostante la sofferenza soltanto negli ultimi anni si era del tutto ritirato a vita privata. Alcuni esperti sostengono che la malattia possa essere stata causata dai colpi presi sul ring nel corso della carriera. La sua traccia resta indelebile, non solo in quanto sportivo e campione, ma anche come una delle personalita' piu' rilevanti e influenti del ventesimo secolo, forse una tra le figure oggi piu' riconoscibili in tutto il mondo. Nato Cassius Marcellus Clay Jr., cambio' il suo nome in Muhammed Ali nel 1964, dopo essersi convertito all'Islam. Divenne un simbolo per il movimento di liberazione dei neri negli Stati Uniti durante gli anni '60, anche per aver sfidato il governo americano, opponendosi all'arruolamento nell'esercito per motivi religiosi. E' stato sposato quattro volte e ha nove figli.

    >
    Roma, ci pensa Schick

    Roma, Schick non basta

    A Frosinone con l'Avellino finisce 1-1

    Ducati, via al WDW di Misano

    Via al WDW Ducati

    A Misano si è aperta la tre giorni dedicata alle Rosse di Borgo Panigale

    Milan, buona la prima: Suso e Calabria piegano il Novara

    Milan, buona la prima

    Amichevoli: i rossoneri battono 2-0 il Novara

    Ecco il nuovo acquisto del Real Madrid: Vinicius Junior

    Il Real Madrid presenta Vinicius

    L'attaccante brasiliano al Santiago Bernabeu

    Il Tas riammette il Milan: le reazioni del web

    I tifosi rossoneri esultano per l'Europa League

    Raikkonen, ANSA

    La F1 torna a Hockenheim

    Dopo un anno di pausa si corre di nuovo il GP di Germania

    Vettel, Twitter

    Seb, vittoria nel mirino

    Casco speciale nel GP di casa per il tedesco della Ferrari

    Abbate Jr. campione italiano Formula 2

    Abbate Jr. campione italiano Formula 2

    Show del pilota tremezzino a San Nazzaro sul Po

    Nasce la Milano Tennis Academy

    Nasce la Milano Tennis Academy

    Progetto ambizioso di Franco Bonaiti, Ugo Pigato e Pier Carlo Guglielmi