Manda a quel paese il direttore di corsa: Vettel squalificato per il GP del Brasile?

Il pilota della Ferrari ha violato l'articolo 151C del regolamento

Sebastian Vettel (LaPresse)

Sebastian Vettel rischia di non poter essere al via del GP del Brasile. Il pilota della Ferrari, secondo il tabloid Sun, potrebbe pagare a caro prezzo gli insulti rivolti via team-radio al direttore di corsa Charlie Whiting durante la concitata battaglie con Max Verstappen nel finale del GP del Messico. "Questo è un messaggio per Charlie, vaffa..." ha tuonato il tedesco, a cui potrebbero non bastare le pronte scuse di fine gara.

Duellare a quasi 200 km di media oraria non è un gioco da ragazzi e l'adrenalina prende spesso il sopravvento sulla razionalità. I concitati giri finali con le Red Bull di Verstappen e Ricciardo, hanno fatto partire l'embolo a Vettel, che al giro 69 ha ricoperto di insulti Whiting. "Questo messaggio è per Charlie, V********!".

A fine gara Vettel ha voluto scusarsi personalmente con il direttore corse, ma forse non basterà per evitare una squalifica nel prossimo GP del Brasile. “Quando sei in macchina in quelle circostanze – ha spiegato il ferrarista – a volte prevale l’aspetto emozionale. Ero pieno di adrenalina, potete immaginare quanto fossi nervoso per quello che aveva fatto Max. Ma mi sono scusato con Charlie".

TAGS:
Motori
Sebastian vettel
Charlie Whiting
Formula uno
Gp messico
Fuck off

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X