La passione Ferrari, l'Alfa Romeo in Formula 1 e il sogno Maserati: addio a un manager innamorato della velocità

Stile, scelte e pensieri di un uomo con una marcia in più

di LUCA BUDEL
La passione Ferrari, l'Alfa Romeo in Formula 1 e il sogno Maserati: addio a un manager innamorato della velocità

Amava le auto veloci fin da ragazzo Sergio Marchionne, non a caso la sua prima macchia da adolescente fu una 124 spider. Dopo aver compiuto la sua missione alla FIAT il suo sogno era quello di restare al ponte di comando della Ferrari, marchio che ha portato con successo alla quotazione in borsa nel 2015. Adorava andare forte Sergio Marchionne che anni fa, proprio al volante di una Ferrari, fu protagonista di un brutto incidente. Al manager italo canadese piacevano da matti anche le corse, ovviamente la Formula 1.

Alla squadra aveva portato Sebastian Vettel, della squadra aveva stravolto l’organigramma, mettendo al vertice della gestione sportiva Maurizio Arrivabene e promuovendo nei posti chiave tecnici cresciuti a Maranello. Marchionne ha fatto in tempo a vedere il successo dell’impostazione del suo lavoro nella produzione di serie sui mercati finanziari, purtroppo lo stesso non è accaduto in pista. Suo anche il merito di aver riportato in Formula 1 il marchio Alfa Romeo e senza il male che l’ha portato via a 66 anni avrebbe voluto imitare la stessa operazione con la Maserati, altro storico marchio del made in Italy a quattro ruote.

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X