Hamilton: "Non ricordo di aver parlato di ritiro"

L'inglese sul futuro: "Il futuro in Ferrari? Sono un loro fan, ma penso a batterli"

Bottas, foto Lapresse

Niente ritiro e niente Ferrari nel futuro prossimo di Lewis Hamilton. A Baku l'inglese della Mercedes ha fatto dietrofront su un possibile addio al circus a fine anno: "Non ricordo di aver parlato di questo ma comunque non è una cosa a cui sto pensando adesso". Poi ha anche smentito un suo passaggio alla casa di Maranello: "Anche in questo caso, lo ribadisco, non è una cosa a cui sto pensando. Al momento sto pensando a battere la Ferrari. L'ho detto più volte io sono un grande fan del team della Ferrari, di tutti i risultati che hanno raggiunto nel motorsport ma anche della auto stradali che creano. Ma adesso mi sto godendo la lotta che abbiamo".


BOTTAS: "SONO SEMPRE STATO SCOMODO"

Nonostante la vittoria in Russia e altri tre podi, l'ultimo in Canada, c'è qualche ombra sul futuro in Mercedes di Valtteri Bottas. "Mi sento scomodo? No, mi sento normale, ogni anno sono stato in questa situazione, con l'incertezza sulla stagione successiva. So che c'è un piano ed è una questione tra di noi, al momento non c'è alcun annuncio da fare", ha detto in conferenza stampa a Baku prima del GP d'Azerbaigian.

Unite alle frasi di Hamilton su un possibile ritiro a fine stagione, questa incertezza su Bottas non sembra poter far bene alla Mercedes anche se, dopo la doppietta di Montreal, le Frecce d'Argento si candidano come favorite a Baku. "Non posso fare previsioni. Siamo stati vicini con la Ferrari in gran parte delle gare ma è difficile fare pronostici particolari su una pista come questa. A volte però non siamo riusciti a trovare il giusto assetto, la giusta fiducia e di conseguenza il feeling con le varie mescole delle gomme", ha aggiunto il finlandese.

Va a caccia del riscatto Daniil Kvyat dopo il disastroso GP in Canada con la Toro Rosso: "In Canada è stata una gara difficile e frustrante, non abbiamo portato dei punti ma non è andata bene fin dal via, poi ho preso anche una penalità. Dopo di che abbiamo avuto problemi anche nei pit stop. Quando le cose iniziano male, poi può succedere che vadano anche peggio". Ha buone sensazioni invece Romain Grosjean, a punti da tre gare consecutive con la Haas: "Dal primo anno abbiamo dimostrato di poter crescere costantemente e migliorare. Il team sta lavorando bene sfruttando le giuste strategie in gara. Abbiamo fatto parecchia strada, sono fiero di me stesso e della scuderia. Sono qui dal primo giorno, abbiamo tenuto duro, è un'esperienza speciale veder crescere da zero questo gruppo". Sul circuito di Baku ha aggiunto: "C'è un grosso rettilineo e un punto di frenata come a Monza, poi c'è un settore con curve strette e avvallamenti come a Montecarlo. E' difficile trovare il giusto assetto, il compromesso ideale: la sfida è appunto avere un equilibrio tra il bilanciamento per la qualifica e quello per la gara".

TAGS:
Formula 1
Gp azerbaigian
Bottas

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X