Ferrari, Raikkonen: "A Monza ho sbagliato io"

Il finlandese ammette l'errore in partenza del Gp Italia: "Dito in posizione scorretta al via". Vettel: "Singapore? Amo la pista"

Raikkonen, IPP

Dopo qualche giorno di riflessione, Kimi Raikkonen torna sul Gran Premio d'Italia con una netta ammissione di colpa: "Le nuove regole non hanno cambiato nulla, poteva accadere lo scorso anno o all'inizio di questo - le sue parole appena sbarcato a Singapore -. E' stato un piccolo problema con una brutta conseguenza. Un dito o la seconda paletta erano in posizione sbagliata: errore mio. Peccato, a volte i dettagli fanno la differenza".

Raikkonen è comunque riuscito a rimediare con una grande rimonta classificandosi al quinto posto: "Dopo 200 metri ero in ultima posizione, onestamente il quinto posto finale non è neanche un brutto risultato. Ovviamente però quando si parte secondi non è certo l'ideale - continua il finlandese -. Lo scorso fine settimana ha funzionato tutto bene ed eravamo in gran forma: mi sono trovato davvero bene con la vettura ".

Pronto a scendere in pista a Marina Bay anche Sebastian Vettel, che a Singapore vanta un ruolino di marcia di tre vittorie e due secondi posti: "Questa pista dal punto di vista fisico è impegnativa, ma io la amo - dice il tedesco -. Qui si vola tra le pareti di cemento, nessun errore è perdonato. La Ferrari ormai ha dimostrato di essere in grado di difendersi su ogni circuito, fatta eccezione per Silverstone. Sono convinto di poter ottenere un buon risultato".

TAGS:
Singapore
Ferrari
Vettel
Raikkonen

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X