F1, Verstappen batte Hamilton a Sepang

Gran rimonta di Vettel sino al quarto posto, ma Raikkonen non riesce nemmeno a partire

di ALBERTO GASPARRI

Tra i due litiganti ha goduto Max Verstappen nel GP Malesia di F1. Nell'ultima volta di Sepang, l'olandese della Red Bull ha vinto la sua seconda gara in carriera, precedendo un Hamilton (Mercedes) guardingo, ma sempre più leader iridato. Limita i danni uno strepitoso Vettel, partito ultimo e poi quarto al traguardo tra Ricciardo e Bottas. L'unico sorriso per la Ferrari visto che Raikkonen nemmeno è partito per un problema tecnico.

La vittoria di Verstappen, frutto di una gara tutta all'attacco senza mai voltarsi indietro, è stata messa in secondo piano dal duello a distanza tra Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. Ma mentre l'inglese ha badato a controllare la seconda piazza dopo essere stato scalzato dopo pochi giri dalla poisizione di leader, il tedesco ha sfogato tutta la sua rabbia per i guai del sabato. SuperSeb ha chiuso al 13° posto il primo giro e poi ha continuato a scalare la classifica fino a passare Valtteri Bottas nel pit stop e a suon di giri veloci mettere nel mirino il podio di Ricciardo. Alla fine, complice anche un doppiaggio ad Alonso che lo ha fatto arrabbiare, l'obiettivo non è stato centrato, ma questo non cancella la sua strepitosa prestazione. Un motivo di rammarco in più perché qui la Ferrari poteva davvero vincere e invece lascia la Malesia a -34 punti da un Hamilton, che non ha vissuto una domenica brillante, ma per una volta ha badato al sodo. E il titolo è sempre più vicino.

Se il GP di Singapore era durato qualche centinaia di metri, quello di Malesia non è nemmeno iniziato per Kimi Raikkonen. Il finlandese ha accusato problemi alla sua power unit già nel corso del giro di schieramento e nonostante il lavoro dei meccanici in rosso direttamente sulla griglia, non c'è stato nulla da fare nemmeno per provare a partire dai box a gara iniziata. Una mazzata per "Iceman", ma soprattutto per l'immagine e il campionato della Ferrari, che nel giro di 24 ore ha rovinato tutto quanto di buono, anzi ottimo, aveva fatto finora in questo 2017.

Come se non bastassero i guai di Raikkonen, i meccanici del Cavallino si sono "meritati" un lavoro extrra anche per sistemare quella di Vettel. Nel giro di rientro, infatti, il tedesco si è scontrato con la Williams di Stroll e ha distrutto la parte posteriore sinistra della sua Ferrari. E domenica si corre già a Suzuka... Inevitabile l'investigazione da parte della direzione gara, ma senza sanzioni per entrambi.

Quanto agli altri, belle gare di Vandoorne e Stroll, settimo e ottavo alle spalle di Perez, mentre Massa e Ocon hanno chiuso la Top 10, lasciando fuori Alonso. Esordio sulla Toro Rosso con un 14° posto per Pierre Gasly, sempre rimasto a contatto col compagno di squadra Sainz prima del ritiro dello spagnolo.

TAGS:
F1
GP Malesia
Vettel
Hamilton
Ferrari
Raikkonen
Bottas
Mercedes
Red Bull
Verstappen
Ricciardo

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X