TGCOM24
LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI

SportMediaset

F1, Marchionne: "Non credo alla sfortuna, ora non perdiamo la fiducia"

"Penso che la Ferrari sia allo stesso livello, se non superiore, alla Mercedes oggi"

F1, Marchionne: "Non credo alla sfortuna, ora non perdiamo la fiducia"

Nonostante il disastro di Suzuka, Sergio Marchionne chiede alla Ferrari di non mollare nella rincorsa, quasi impossibile, a Hamilton e non si attacca alla malasorte. "Non parlo di sfortuna perché non ci credo, sono cose che succedono a tutti noi specialmente in gara. La cosa importante è non perdere la fiducia che ci ha portato fin qui", ha detto l'ad di Maranello a Class-Cnbc.

"Senza fare l'arrogante credo che la Ferrari sia allo stesso livello, se non superiore, alla Mercedes oggi. Anche la Redbull ha fatto passi avanti, ma non credo che vadano a impattare il posizionamento della Ferrari in gara", ha aggiunto.

Insomma, bisogna continuare a credere nel titolo: "Ci sono ancora quattro gare, la stagione non è persa. L'impegno continua. Sono sicuro che se non avessimo avuto i problemi avuti nelle ultime tra gare avremmo fatto un discorso diverso. Ricordiamoci che l'anno scorso nessuno avrebbe scommesso che la Ferrari si sarebbe trovata in queste condizioni. Sono contentissimo di quanto ha fatto la squadra. Ho una fiducia immensa che nelle prossime quattro gare riusciremo a colmare il divario con la Mercedes".

TAGS:
F1
Marchionne
Ferrari
Suzuka
Vettel
Raikkonen
Arrivabene

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X