F1, le pagelle del GP di Spagna

Verstappen cancella Vettel, Raikkonen leader Ferrari e Hamilton-Rosberg...

di LUCA BUDEL

F1, le pagelle del GP di Spagna

MAX VERSTAPPEN – VOTO 10 Papà era diventato celebre per le fiamme ai box di Hockenheim, anno 1994. Max Verstappen ha scritto una pagina decisamente più nobile nella storia della Formula 1. Primo a 18 anni, roba mai vista, utile a giustificare la promozione in Red Bull e ha cancellare per la prima volta il nome di Vettel dal libro dei record. Un numero che sottolinea ancora una volta la capacità del marchio nello scovare talenti fuori media.
KIMI RAIKKONEN – VOTO 8,5 All’anagrafe denuncia il doppio degli anni di Max, nella visione delle cose di Maranello è il pilota di scorta, eppure Raikkonen è l’ultimo ad arrendersi alla furia agonistica del giovanissimo collega. Uno scenario che dovrebbe far riflettere la Ferrari, che non è riuscita ad ingaggiare Verstappen e considerava Raikkonen prossimo ai titoli di coda. Kimi intanto gode. E’ lui l’uomo di punta tra gli uomini in rosso.
SEBASTIAN VETTEL – VOTO 7 Patisce in prova, subisce in gara e si segnala ancora una volta per le invettive contro i colleghi che hanno la colpa, o il merito, di cercare di batterlo. A Barcellona è stato il turno di Ricciardo, che ha provato a passarlo con una manovra normalissima, manovra che Vettel ha invece criticato comunicando via radio ai box la sua rabbia. Non riesce ad approfittare minimamente dell’assenza Mercedes.
DANIEL RICCIARDO – VOTO 6,5 L’uomo che alla Red Bull aveva fatto crollare le certezze di Vettel si ritrova ora alle prese con una preoccupante cartina tornasole. Apprezzabile il suo tentativo di passare l’ex compagno di squadra, un po’ meno il fatto di essere stato rivettato dal nuovo vicino di box.
ROSBERG & HAMILTON – VOTO 2 Si comportano come Prost e Senna senza avere nemmeno lo spessore delle scarpe della coppia McLaren. Un epilogo repentino e ridicolo di fronte a Dieter Zetsche, presidente della Mercedes, arrivato a Barcellona per festeggiare una doppietta. Invece no! Fuori subito con il raglio dell’asino avvertito a chilometri di distanza.

TAGS:
F1
GP Spagna
Barcellona
Pagelle
Verstappen
Vettel
Ferrari
Mercedes
Rosberg
Hamilton