F1, Hamilton: "Vettel? Questione chiusa, voltiamo pagina"

"Era importante che Seb evidenziasse che non ho commesso nessuna irregolarità nei suoi confronti"

Lewis Hamilton perdona Sebastian Vettel. Il pilota della Mercedes chiarisce la propria posizione in seguito ai fatti di Baku. "Per me la questione con Sebastian è chiusa - assicura il britannico in conferenza stampa -. Ora devo solo pensare alla pista perché sono indietro in classifica". Hamilton ci tiene a sottolineare la propria correttezza: "Era importante che Seb evidenziasse che non ho commesso nessuna irregolarità nei suoi confronti".

Tutto alle spalle. Questo, in sintesi, il pensiero di Lewis Hamilton, protagonista, suo malgrado, del contatto avvenuto a Baku tra l'inglese e Sebastian Vettel, con il tedesco che ha colpito la gomma anteriore sinistra della sua Mercedes. La Fia ha chiuso il caso, accogliendo l'ammissione di colpa e le scuse del pilota della Ferrari senza comminare ulteriori sanzioni.

Discorso chiuso anche per Lewis Hamilton, come detto dallo stesso inglese nella conferenza stampa di presentazione del Gran Premio d'Austria, a Spielberg, nona prova del Mondiale di Formula 1. "Per me la questione - dice Hamilton - è finita, ora sono concentrato su questo fine settimana. Ne ho parlato con Sebastian dopo la gara, e credo che questo non cambierà il nostro rapporto. Quando mi ha contattato il giorno dopo, gli ho chiesto di correggere la dichiarazione sul brake testing, dato che non l'avevo fatto. Accetto le sue scuse". Al momento di correggere la sua dichiarazione sul tedesco ("Vettel è una vergogna per lo sport") , però, Hamilton non arretra di un passo. "Non credo di aver detto qualcosa che adesso mi rimangerei. Su quanto accaduto, resto della mia opinione. Oltre alle scuse, è importante che la gente sappia che io non ho commesso nessuna irregolarità. Sono stato molto calmo, ma dall'interno della vettura non avrei potuto fare chissà cosa. Su un campo di calcio, ad esempio, la situazione sarebbe stata diversa, ma noi dobbiamo mandare messaggi positivi ai giovani. Abbiamo questo potere, e dobbiamo sfruttarlo nel modo giusto".

Uscendo dal caso Baku, sia Hamilton, sia Vettel, si sono trovati concordi sul dire "no" a un futuro da compagni di squadra di Alonso. "Io in realtà sono contento del compagno che ho ora", il pensiero dell'inglese. Che non sa bene cosa aspettarsi in vista della gara: "C'è un apprendimento continuo con le gomme, abbiamo progredito parecchio da Montreal e di settimana in settimana abbiamo continuato a imparare. Ora siamo su una pista diversa, ogni volta ci sono sfide diverse. Abbiamo messo un punto sul problema che avevamo".

TAGS:
F1
Hamilton
Mercedes
Baku
Vettel
Austria
Ferrari
Fia

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X