F1, GP Azerbaigian: tra i litiganti gode Ricciardo

Gara pazza: Stroll terzo in volata. Vettel 4° davanti ad Hamilton

di SIMONE REDAELLI

Gara entusiasmante a Baku con Ricciardo che ha approfitatto degli inconvenienti degli avversari per tagliare per primo il traguardo. GP dai mille colpi di scena con tre safety car e pure una bandiera rossa. Seconda posizione per Bottas che ha sorpassato in volata il sorprendente Stroll (Williams). Vettel 4° penalizzato con un stop and go. Beffato Hamilton 5° costretto a un pit stop in più. Out Raikkonen.

Awesome, eccezionale. L'aggettivo giusto per descrivere il GP di Baku l'ha trovato il campione del mondo in carica Nico Rosberg che si è goduto la gara davanti alla tv. È stata la domenica più pazza degli ultimi anni con colpi di scena dall'inizio alla fine. Il duello tra Hamilton e Vettel ha catalizzato l'attenzione di tutti, ma a spuntarla tra i due litiganti è stato un Daniel Ricciardo on fire con il quarto podio consecutivo, record personale.

È successo di tutto, come detto. Già al via il contatto tra Bottas e Raikkonen che ha subito portato Vettel in seconda posizione con Hamilton nel mirino. Alla tredicesima tornata la prima Safety-car per rimuovere dalla pista la Toro Rosso di Kvyat che è coincisa con il ritiro di Verstappen per un calo della pressione dell'olio nel motore della sua Red Bull. Alla ripartenza detriti in pista e una nuova Safety-car. Al giro 20 lo scontro tra le due Force India di Ocon e Perez, la foratura di Raikkonen e via ancora in regime di velocità controllata. Qui il pasticcio tra Hamilton e Vettel. Lewis all'uscita di una curva ha frenato di colpo e Seb l'ha tamponato per poi affiancarlo e andare ruota contro ruota. Questo in fin dei conti l'episodio che è costato la gara al numero 5 della Ferrari. Dopo la ripartenza dalla bandiera rossa, sventolata per i troppi detriti sul percorso, Vettel era riuscito incredibilmente a prendere la testa della corsa sfruttando il pit stop forzato di Hamilton per il rischio di perdere il sistema di protezione del suo abitacolo. Al comando Vettel è durato solo qualche giro perché è arrivata presto la penalità per la "lite" con l'inglese della Mercedes: stop and go. Il ferrarista, però, è riuscito a rientrare in pista per poco davanti al suo rivale per il Mondiale riuscendo a tenerlo dietro fino alla fine. Il tedesco ha così chiuso al quarto posto allungando a +14 in classifica generale.

Una gara nella gara con Ricciardo che si è ritrovato, quasi per caso, in testa al 33° giro e ha dovuto solo amministrare il grande vantaggio sugli avversari. Daniel, scattato dalla decima posizione in griglia, è stato bravissimo alla ripartenza dalla bandiera rossa quando alla prima curva si è sbarazzato delle due Williams di Massa (poi costretto al ritiro) e Stroll. Il canadese è stata la vera sorpresa dell weekend e si è preso il primo podio della carriera. Una grande rivincita dopo tutte le critiche ricevute in questo inizio di stagione. Un terzo posto che, però, sa di amaro perché beffato in volata da Bottas. Il finlandese della Mercedes merita menzione speciale perché da ultimo e doppiato è stato capace di rimettere in piedi la sua domenica con grande costanza di rendimento. L'altro finlandese, invece, quel Kimi Raikkonen della Ferrari è stato sfortunatissimo e a due giri dalla fine ha deciso di ritirarsi per i troppi problemi alla sua SF70H.


F1, GP Azerbaigian: tra i litiganti gode Ricciardo
TAGS:
Formula 1
Baku
Agerbaigian
Gp
Ferrari
Mercedes
Hamilton
Vettel

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X