F1, Force India in amministrazione controllata

Troppi debiti per il team di Vijay Mallya, pronta a subentrare la famiglia Stroll?

Stroll, LaPresse

La Force India è entrata in amministrazione controllata. La decisione è stata presa dall'Alta Corte di Londra al termine di un'udienza nella serata di venerdì. Il team di Vijay Mallya, che ha sede a Silverstone, è stato posto sotto l'amministrazione di Geoff Rowley, della società di consulenze FRP Advisory, a causa della critica situazione debitoria. Ora si cercano acquirenti e tra i nomi forti c'è anche quello di Lawrence Stroll, padre del pilota Williams, Lance.

La scuderia indiana ha 159 milioni di sterline (quasi 180 milioni di euro) di debiti nei confronti della holding Orange India Holdings Sarl e tra i principali creditori esterni risultano anche Mercedes (circa 10 milioni di sterline legate alla fornitura delle power unit) e il pilota Sergio Perez (4 milioni di sterline). I guai della Force India nascono anche dai problemi legali di Mallya, accusato di frode in India e da tempo bloccato nel Regno Unito mentre lotta contro l'estradizione verso il suo paese d'origine.

Ora il team è a caccia di acquirenti e tra i nomi "caldi" c'è anche quello della famiglia Stroll. La rivista tedesca Auto Bild dava l'affare per fatto già qualche giorno fa, ma ora che è arrivata anche la decisione del tribunale la trattativa potrebbe subire un'accelerata. Questo, naturalmente, avrebbe ripercussioni importanti anche sul mercato piloti: Ocon sembra ormai destinato a sostituire Sainz in Renault e sulla monoposto del talentino francese potrebbe dunque sedersi proprio Lance Stroll, attualmente alla Williams.

IL TEAM RASSICURA: "CORREREMO A BUDAPEST"

TAGS:
Formula 1
Force India

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X