Ad Abu Dhabi scintilla la falsa ricchezza della F1

La McLaren è la punta di un iceberg che vacilla: serve una decisa sterzata per salvare lo spettacolo

di LUCA BUDEL

Ad Abu Dhabi scintilla la falsa ricchezza della F1

E’ un sipario stropicciato quello che è calato sull’ultima esibizione di Abu Dhabi. Le luci e la ricchezza esibite nell’Emirato non devono trarre in inganno. Il circo è evidentemente alla frutta e se grandi e piccoli non trovano in fretta un accordo il rischio concreto è quello di replicare quando accaduto nel 2015, con quattro macchine capaci di stare lassù e il resto del gruppo a raccattare le briciole lasciate sull’asfalto. Il problema è che chi detta legge in pista non ha la minima intenzione di far crescere il resto del gruppo, prospettando uno scenario che potrebbe destinare l’estinzione di chi ha cercato di galleggiare senza soldi, dentro un contesto di sviluppo insostenibile.

La brutta notizia è che la sofferenza riguarda anche una squadra come la McLaren, reduce dalla stagione peggiore della sua storia. Un disastro che ha travolto anche Fernando Alonso. Insomma un deciso cambio di rotta è urgente, ma chi comanda il baraccone dimostra di non avere le idee chiare in merito o gli strumenti per farlo, condizionato dallo strapotere degli unici due marchi automobilistici impegnati in Formula 1, Mercedes e Ferrari. Honda e Renault, come fornitori di motori,hanno infatti un ruolo marginale. La crisi si ripercuote ovviamente sullo spettacolo in pista, talmente noioso che per evitare il sonno tutti sperano nel guizzo di Max Verstappen, un piccolo fenomeno d’accordo, ma che in fondo lotta per portare a casa una manciata di punti

Argomenti Correlati

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X